Dalle start up allo smart working: le tendenze lavorative della generazione Millennials

Come cambiano le abitudini lavorativi dei millenials? Scopri come incidono contesti lavorativi come le start up e modalità come lo smart working.

2' di lettura

Le nuove tecnologie hanno radicalmente modificato la vita di ognuno di noi, ed è logico che ci siano delle generazioni maggiormente a loro agio con l’hi-tech. Andando al di là dei giovanissimi, che ancora devono fare il proprio percorso e scoprire il proprio futuro lavorativo, un approfondimento lo si deve dedicare ai Millennials. La generazione in questione, infatti, è particolarmente portata per lo smart working e per le professioni che lo consentono, ovvero quelle con una natura digitale.

Millennials e lavoro: i miti da sfatare

Purtroppo c’è ancora chi crede al falso mito dei Millennials pigri, svogliati e del tutto privi di spirito di iniziativa o imprenditoriale. In realtà è l’esatto contrario, al punto che in tanti vanno all’estero pur di lavorare e di mettersi alla prova in contesti più dinamici. 

In sintesi, il Millennial ha in sé un desiderio di mettersi in gioco molto forte, che spesso non viene compreso dalla generazione precedente, abituata alla ricerca di certezze e stabilità, poco propensa al rischio. Un altro mito da sfatare, riguardante i Millennials, è il seguente: non sono affatto dei lupi solitari, dato che spesso un freelance di questa generazione ama e cerca in continuazione il confronto con i propri colleghi, per poter crescere e per poter scambiare le proprie idee. 

Inoltre, i Millennials hanno dei profondi valori etici che li spingono a non accettare qualsiasi lavoro, dunque non si basano soltanto sul guadagno, ma spesso selezionano con estrema cura i propri clienti. Infine, hanno un pensiero rapido e imparano presto ad adattarsi a qualsiasi situazione, e sono molto bravi nella gestione indipendente del proprio tempo.

Cosa cercano i giovani di oggi?

I giovani di oggi cercano determinate qualità, per considerare un posto di lavoro confortevole e adatto ai propri obiettivi, oltre che alle proprie ambizioni. Innanzitutto devono avere la certezza di poter puntare ad una carriera “scalabile”, dunque ad un ruolo di maggior rilievo e ad uno stipendio migliore. In secondo luogo, desiderano che le richieste del datore di lavoro o del cliente siano sempre chiare, e che in linee generali il comportamento sia sempre leale nei loro confronti. 

Il Millennial ama le sfide, quindi non si accontenta di un lavoro banale o ripetitivo. Per quel che riguarda le figure più gettonate, basti citare professioni come il marketing specialist, l’influencer o ancora l’esperto in sicurezza informatica e lo sviluppatore web, che non a caso coincidono con le figure e i lavori attualmente più richiesti dal mercato delle professioni digitali, anche per una questione di prospettive economiche e di libertà lavorativa. I Millennials, infatti, prediligono i nuovi lavori legati al digital rispetto al tradizionale “posto fisso” tanto agognato dalle generazioni precedenti. 

Come anticipato ad inizio articolo, i Millennials desiderano un lavoro flessibile, dunque la possibilità di gestire in autonomia i propri tempi, grazie ad esempio al remoto e allo smart working. Infine, preferiscono lavorare in start up giovani e dinamiche.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie