Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Reddito di cittadinanza / Studenti con il reddito di cittadinanza: ecco quando spetta

Studenti con il reddito di cittadinanza: ecco quando spetta

Studenti con il reddito di cittadinanza? Sì è possibile! Ecco quando.

di Sara Fannino

Agosto 2022

Studenti con il reddito di cittadinanza? In questa breve guida andremo a scoprire se gli studenti universitari hanno diritto alla misura economica di contrasto alla povertà del RdC e in quali casi.

Siete pronti? Partiamo subito (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Scopri quali sono i prossimi pagamenti INPS di fine agosto e a settembre 2022, le spese auto ammesse con il reddito di cittadinanza e le tempistiche per la ricarica dell’Rdc per chi l’ha rinnovato ad agosto 2022.

Indice

Studenti con il reddito di cittadinanza: quando non viene pagato

Partiamo dicendo che il classico studente universitario non può richiedere la misura anti-povertà durante il suo percorso di studi. In particolare, i ragazzi under 26 che frequentano le università, che hanno unicamente una famiglia genitoriale, dove risultano essere a carico, e non hanno figli, non possono ottenere il reddito di cittadinanza.

Il RdC non potrà essere corrisposto nemmeno agli studenti fuori sede, se questi rientrano nel profilo appena descritto. Lo status di “studente universitario”, infatti, non incide minimamente sulla percezione del reddito di cittadinanza.

Insomma, questi studenti, se non hanno più di 26 anni, un nucleo a sé stante, dei figli e non sono a carico dei genitori, non possono ottenere il sussidio proposto dal Movimento Cinquestelle. Esistono però delle eccezioni per cui sono possibili delle compatibilità di studenti con il reddito di cittadinanza. Andiamo a scoprirle subito insieme.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Studenti con il reddito di cittadinanza? Anche per chi lavora

Ci riferiamo a quanto riportato dalle giornaliste del Sole 24 Ore, Michela Finizio e Valentina Melis:

In sostanza, i ragazzi universitari con più di 26 anni possono richiedere il sostegno del reddito di cittadinanza facendo un nucleo familiare a sé stante, staccandosi di fatto dal nucleo della famiglia di origine. In questo modo, sottolineano le giornaliste, il giovane potrebbe:

godere, in assenza di una busta paga, della misura massima del sussidio”, che ricordiamo essere pari a 500 euro, a cui si dovranno aggiungere altri 280 euro di contributo, qualora il ragazzo fosse in affitto.

Scopri subito come avere il reddito di cittadinanza, quanto tempo ci vuole per i primi pagamenti del reddito di cittadinanza dopo la domanda e quante volte si può fare il rinnovo dell’Rdc

Ma non è finita qui, poiché gli studenti con il reddito di cittadinanza anche se questi svolgono un lavoretto a basso reddito, che non superi la soglia dei 6 mila euro annui. In questo caso, ad esempio, il giovane studente universitario potrà svolgere un lavoro e, al contempo, percepire il reddito di cittadinanza.

Inoltre, le giornaliste evidenziano che tutto questo è possibile “Anche se il canone, di fatto, poi lo pagano mamma e papà.” Insomma, sembra un po’ una contraddizione, ma questo è quel che è stato stabilito dalla normativa. Andiamo ora a scoprire il secondo caso in cui studenti con il reddito di cittadinanza.

Studenti con il reddito di cittadinanza? Anche per chi è sposato o ha figli

La seconda ipotesi di studenti con il reddito di cittadinanza riguarda tutti quei ragazzi con più di 26 anni che frequentano le università, che sono sposati o che hanno figli. Quesrti, per poter richiedere il reddito di cittadinanza, dovranno avere un reddito del nucleo familiare di massimo 4.000 euro annui.

studenti con il reddito di cittadinanza
studenti con il reddito di cittadinanza ecco quando

Studenti con il reddito di cittadinanza? Aumenti per “fuori sede”

La terza e ultima ipotesi per quanto concerne gli studenti con il reddito di cittadinanza interessa i cosiddetti “fuori sede”. Gli studenti fuori sede sono coloro che frequentano l’università in una località diversa, spesso molto distante, da quella di residenza.

Per questa categoria di universitari esistono delle particolari agevolazioni in materia di Reddito di Cittadinanza. Infatti, in un nucleo familiare in cui è presente uno studente fuori sede, l’assegno del RdC viene incrementato del 15%, se a beneficiarne è uno dei due genitori.

Attenzione, però, perché l’importo verrà aumentato solo a condizione che lo studente non sia fuori corso e che non stia beneficiando di borse di studio. C’è anche un punto da rispettare che riguarda la sede dell’università frequentata: questa, infatti, dovrà essere situata ad almeno 100 km dal Comune di residenza. Tale distanza viene ridotta a 50 km qualora il nucleo familiare abitasse in montagna.

Leggi quali sono le somme previste con l’Rdc, i limiti di prelievo in contanti e le spese vietate con i contributi economici, i motivi che causano la sospensione del reddito di cittadinanza e i reati che fanno perdere l’Rdc.

Abbiamo visto che esiste la possibilità di studenti con il reddito di cittadinanza, ora, andiamo a fare un breve ripasso dei requisiti indispensabili per ottenere la misura.

Requisiti RdC

Accantoniamo il discorso “studenti con il reddito di cittadinanza” e parliamo dei requisiti che un cittadino deve possedere per percepire la misura:

Ricordiamo che il reddito di cittadinanza può essere richiesto all’INPS, a Poste Italiane o sul sito www.redditodicittadinanza.gov.it e che, una volta che la domanda viene accolta, può essere percepito per 18 mensilità consecutive al termine delle quali, se permangono i requisiti sopracitati, può essere richiesto il rinnovo.

Le ricariche del RdC sono due: quella di metà mese, che coincide con la data del 15, e quella di fine mese, che cade sempre il 27. La prima riguarda nuovi percettori, rinnovi e arretrati, mentre la seconda è la cosiddetta “ricarica ordinaria”.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp