Super green pass, regole per guariti e vaccinati prima dose

Super green pass: ecco le regole per le persone che sono guarite e per quelle che sono state vaccinate con prima dose, i chiarimenti del governo. Il ministero ha pubblicato una serie di risposte alle domande più frequenti, in particolare sul rilascio del green pass (che tra prima, seconda dose, booster e guarigioni inizia a complicarsi).

4' di lettura

Super green pass, regole per guariti e vaccinati prima dose: il governo ha pubblicato le Faq (risposte a domande frequenti) per fare chiarezza sulle regole imposte con il nuovo decreto anti covid. (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Super green pass e nuova certificazione

Si parte con il super green pass: per averlo serve scaricare una nuova certificazione?

«Il super green pass (o green pass rafforzato) è la Certificazione verde Covid-19 che attesta l’avvenuta vaccinazione o la guarigione dall’infezione: non è una nuova certificazione. E quindi, per chi ne è già in possesso, sarà sufficiente presentare il green pass da vaccinazione o da guarigione in corso di validità. Per chi fatto una dose di richiamo (un booster) di vaccino, verrà emessa una nuova Certificazione verde Covid-19 e si riceverà via Sms o email un messaggio con un nuovo codice Authcode per scaricarla. È indispensabile verificare sempre la scadenza del green pass e accertarsi che non sia scaduto o stia per scadere».

Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Super green pass: vaccinazione all’estero

Per chi ha fatto i vaccini all’estero, il certificato di vaccinazione (con prodotti autorizzati dall’Ema o vaccini equivalenti), è considerato uguale a quello rilasciato in Italia. Può essere usato come green pass da vaccinazione, anche per la dose di booster. Le indicazioni di uso e la validità sono le stesse in vigore nel nostro Paese.

Super green pass: per chi ha avuto la revoca

Per chi ha subito la revoca del green pass, sarà possibile riaverlo con un test antigenico rapido o molecolare negativo e tornerà valido fino alla sua scadenza. Si riceverà un Authcode per il test negativo. Sarà possibile avere un nuovo green pass solo dopo che il medico o la Asl avranno verificato e certificato la guarigione.

Il green pass da guarigione non è automatico. Viene emesso solo dopo che il medico o l’Als avranno certificato il termine dell’isolamento (o della guarigione) nel Sistema Tessera Sanitaria.

In pratica:

  • dopo il test negativo si riceverà in automatico l’Authcode;
  • con l’Authcode si potrà scaricare il green pass da tampone negativo;
  • entro il giorno seguente (e in automatico) verrà riattivato il green pass che era stato revocato.

Super green pass: guariti senza certificato

Non sono molte le Regioni che hanno trasmesso alla Piattaforma Nazionale – Dgc i dati sulle guarigioni. Proprio per questo se non si riceve l’Sms o l’email con l’Authcode (e neppure si trova nella sezione Messaggi dell’App Io o accedendo con Spid, è molto probabile che il medico o la Asl non abbiano ancora inserito i dati e il certificato di guarigione nel Sistema Tessera Sanitaria. Se accade è indispensabile rivolgersi al medico affinché quei dati vengano inseriti nel sistema. In questo caso il nuovo green pass sarà rilasciato nel giro di pochi minuti.

Super green pass: Covid dopo prima dose

Vediamo cosa accade a chi ha avuto il Covid dopo aver fatto la prima dose.

Se l’infezione è comparsa 14 giorni dopo la somministrazione della prima dose di vaccino (il riferimento è la data del primo test molecolare positivo), si riceverà il certificato per completamento del ciclo primario insieme al green pass per la guarigione.

Se invece l’infezione è arrivata entro 14 giorni dalla somministrazione della prima dose è necessario effettuare la seconda entro 180 giorni dall’infezione per ricevere il green pass del ciclo primario vaccinale completato.

Super green pass: chi non può vaccinarsi

Il problema si pone, con tutte queste restrizioni, per chi non può fare il vaccino. In questo caso per accedere a servizi e attività che richiedono il green pass obbligatorio, si potrà utilizzare fino al 31 gennaio 2022 una Certificazione di esenzione dal vaccino.

Questa documentazione viene rilasciata dai medici vaccinatori dei Servizi vaccinali delle aziende ed Enti dei Servizi sanitari regionali o dai Medici di medicina generale o Pediatri di libera scelta dell’assistito che operano nella campagna di vaccinazione anti-covid nazionale.

Super green pass: vaccinati all’estero

Per i cittadini italiani (anche se residenti all’estero) e i rispettivi familiari conviventi che sono stati vaccinati all’estero o sono guariti all’estero (anche se non iscritti al Servizio Sanitario nazionale), sarà possibile richiedere, se si trovano in Italia, il rilascio del green pass per vaccinazione o guarigione alle Asl di competenza territoriale.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie