Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Assegno Unico / Aumenti Assegno Unico 2023 (tabelle + esempi)

Aumenti Assegno Unico 2023 (tabelle + esempi)

Pubblicate le tabelle con importi dell’Assegno Unico 2023 e relative soglie ISEE. Scopri cosa cambia con degli esempi.

di Chiara Del Monaco

Febbraio 2023

L’Istat ha pubblicato ufficialmente le tabelle con importi dell’Assegno Unico 2023, che come altre prestazioni economiche ha subito un aumento dovuto alla rivalutazione. In questo approfondimento illustriamo i dettagli con alcuni esempi (scopri le ultime notizie e poi Leggi su Telegram tutte le news sull’Assegno Unico. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Dopo circa due mesi di attesa, sono state pubblicate le tabelle ufficiali con i nuovi importi dell’Assegno Unico 2023 e le relative soglie ISEE. Come per i trattamenti pensionistici e assistenziali, anche il contributo per figli a carico è soggetto all’adeguamento degli importi dovuto alla rivalutazione.

In particolare, per il 2022 l’inflazione che si è registrata in Italia e sulla quale si è basato l’aggiustamento è pari all’8,1%.

Nei prossimi paragrafi vediamo nel dettaglio le tabelle con importi dell’Assegno Unico 2023 e forniamo alcuni esempi per dare un quadro più chiaro di come cambieranno nei prossimi mesi.

Acquista la nostra Guida Completa sull’Assegno Unico 2024. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Nel frattempo, scopri chi deve presentare la domanda dell’Assegno Unico nel 2023 e di quanto aumentano gli importi con le maggiorazioni. Leggi anche quanto costa non rinnovare l’ISEE per l’Assegno Unico 2023 e l’elenco delle novità dell’Assegno Unico 2023 in breve.

Indice

Tabelle con importi dell’Assegno Unico 2023 e fasce ISEE

Come sappiamo, il dl 230/2021, normativa che include tutti i dettagli relativi all’Assegno Unico e Universale, stabilisce che ogni anno gli importi e le soglie ISEE previste dal contributo per famiglie vanno rivalutati in base al tasso d’inflazione dell’anno precedente.

Di conseguenza, l’inflazione registrata dall’Istat pari all’8,1% influirà non solo sulle pensioni e altri trattamenti assistenziali, ma anche sugli importi e le soglie ISEE dell’Assegno Universale. Visto che la rivalutazione degli importi e delle maggiorazioni viene riconosciuta a partire da febbraio 2023, dalla mensilità di marzo 2023 l’INPS riconoscerà anche gli arretrati.

Per fornire un quadro completo dell’impatto della rivalutazione sull’AUU, ecco le tabelle con importi dell’Assegno Unico 2023 e relative fasce ISEE pubblicata pochi giorni fa.

Continua a leggere l’approfondimento per vedere cosa cambia rispetto all’anno scorso per i destinatari dell’Assegno Unico, attraverso alcuni esempi pratici.

Scopri la pagina dedicata all’Assegno unico per conoscere altri diritti e agevolazioni.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sull’Assegno Unico e i bonus per famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Tabelle con importi dell’Assegno Unico 2023: cosa cambia rispetto al 2022

Un primo confronto più evidente tra importi e ISEE 2022 e 2023 potrebbe essere fatto paragonando la fascia più alta e quella più bassa di reddito e i rispettivi importi base riconosciuti.

Nello specifico, le due soglie ISEE da tenere in considerazione nel 2022 erano le seguenti:

Tra i 15.000 e i 40.000 euro, invece, l’importo dell’assegno unico scende di 50 centesimi al mese ogni 100 euro di Isee. Per esempio, tra i 15.000,01 a 15.100,00 spettano 174,50 euro al mese, mentre tra i 15.100,01 e i 15.200,00 si scende a 174 euro (e così via).

Dall’altro lato, con la rivalutazione all’8,1% e l’adeguamento degli importi, risultano queste soglie:

Anche in questo caso, l’aumento interessa tutte le fasce intermedie, con la conseguenza che con lo stesso ISEE nel 2023 si ha diritto a un importo dell’Assegno Unico più alto perché risulta nella fascia di reddito precedente rispetto al 2022.

Tabelle con importi dell’Assegno Unico 2023: esempi con quote base

Come abbiamo visto nel paragrafo precedente, tra il 2022 e il 2023 c’è una differenza significativa sia per quanto riguarda gli importi base dell’Assegno Unico sia per le soglie ISEE riconosciute.

Per fornire un’idea più chiara di questi cambiamenti, abbiamo pensato ad alcuni esempi pratici sugli importi base del contributo per figli a carico.

Assegno Unico 2023 con due figli minorenni

Prendiamo come esempio una famiglia con due figli minorenni, con una ISEE di 20mila euro. Per il 2023 il nucleo familiare rientra nella fascia ISEE fino a 20.106,6 euro e ha diritto a un importo di 169,7 euro a figlio minorenne. Il totale erogato è quindi di 339,4 euro.

Assegno Unico 2023 con un figlio maggiorenne e uno minorenne

Invece, una famiglia con un figlio di 18 anni e una figlia di 15 anni, con ISEE di 30.000 euro, nel 2023 è inserita nella soglia di reddito fino a 30.051 euro e ha diritto a un importo di 120 euro per la figlia minorenne e 58,7 euro per il figlio maggiorenne. Il totale da erogare è pari a 178,7 euro al mese.

Assegno Unico 2023 con due figli maggiorenni

Infine, un nucleo familiare con due figli maggiorenni, uno di 19 e uno di 20 anni, con ISEE di 16.000 euro, rientra nella fascia ISEE più bassa (che fino all’anno scorso arrivava a un tetto di 15.000 euro). Infatti, la soglia minima di ISEE per il 2023 arriva a 16.215 euro. Quindi, nel caso di questa famiglia, l’importo spettante corrisponde a 91,9 euro a figlio, per un totale di 183 euro al mese.

Tabelle con importi dell’Assegno Unico 2023: in foto, una mano che stringe diverse banconote da 100 e 50 euro.

Tabelle con importi dell’Assegno Unico 2023: esempi con maggiorazioni

Nel paragrafo precedente abbiamo visto qualche esempio degli aumenti dell’Assegno Unico 2023 per quanto riguarda gli importi base senza maggiorazioni. Adesso, invece, consideriamo qualche esempio con le maggiorazioni più comuni applicate sulla quota base.

Prima, però, potrebbe essere un riepilogo delle maggiorazioni previste dal decreto che disciplina l’Assegno Unico:

In base alle maggiorazioni appena indicate, ecco alcuni esempi pratici.

Assegno Unico 2023 con tre figli

Una famiglia con due figli minorenni e uno maggiorenne, con ISEE pari a 15.000 euro, ha diritto a 189,2 euro per ciascun figlio minorenne e 91,9 per il figlio maggiorenne. L’importo totale erogato sarà quindi di 470,3 euro + la maggiorazione di 91,9 euro, per una somma complessiva di 562,2 euro.

Assegno Unico 2023 con due genitori lavoratori e due figli

In caso di nucleo familiare con figlia minorenne (10 anni) e figlia maggiorenne (20 anni) e ISEE di 17.000 euro, l’importo spettante per ogni figlia è di 184,9 per la minorenne e 89,8 per la maggiorenne. A queste cifre va poi aggiunta la maggiorazione per due redditi da loro, che corrisponde a 31,3 euro. Di conseguenza, la somma totale pagata ogni mese ammonta a 306 euro.

Assegno Unico 2023 con quattro figli minorenni

Un nucleo familiare con quattro figli minorenni e un ISEE di 41.000 euro all’anno ha diritto a 64,9 euro a figlio e alla maggiorazione forfettaria di 150 euro al mese, per un totale mensile di 409,6 euro.

Assegno Unico 2023 con due figli, di cui uno non autosufficiente

Una famiglia con due figli minorenni, di cui uno non autosufficiente, e un reddito complessivo di 15.000 euro rientra nella soglia più bassa di ISEE e ha diritto all’importo massimo previsto, al quale si aggiunge la maggiorazione in caso di disabilità. In particolare, l’importo base spettante per entrambi i figli e di 189,2 euro, a cui vanno aggiunti 113,5 euro di maggiorazione. Di conseguenza, la somma totale pagata dall’INPS ogni mese è pari a 491,9 euro.

Con questi esempi, speriamo di aver fornito un’idea un po’ più chiara degli aumenti dell’Assegno Unico nel 2023 per via della rivalutazione.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp