Tabelle per invalidità civile: i giudizi della commissione

Tabelle per invalidità civile: i giudizi della commissione medica, le fasce e le agevolazioni previste. Ecco tutto ciò che c'è da sapere.

5' di lettura

Tabelle per invalidità civile: quali sono i giudizi della commissione medica chiamata a valutare lo stato di salute del paziente che si sottopone a visita di controllo per invalidità civile? Ne parliamo in questo articolo (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Tabelle per invalidità civile: fasce di punteggio e benefit

Per valutare il punteggio di invalidità civile, il paziente deve sottoporsi a una visita medica effettuata dalla commissione medica dell’Asl di riferimento.

Sarà quest’organo giudicante, al termine del controllo, a stabilire quale percentuale assegnare al paziente.

Per ogni fascia di punteggio, si ha diritto ad agevolazioni sanitarie e lavorative e, nei casi più gravi, anche a un sussidio mensile.

Tabelle per invalidità civile. Ecco le fasce di punteggio e i benefit a esse collegate:

  • fino al 33% – Non si è ritenuti invalidi civili e non spetta alcuna agevolazione.
  • dal 34% – Si ha diritto ad ausili e protesi in base alla diagnosi indicata nel verbale di riconoscimento di invalidità civile;
  • dal 46% – Iscrizione agli elenchi provinciali del lavoro e della massima occupazione per il collocamento obbligatorio;
  • dal 51% – Congedo straordinario per cure, non superiore a 30 giorni all’anno, previa autorizzazione del medico competente (vale solo per i lavoratori dipendenti);
  • dal 60% – Iscrizione al fine dell’assunzione obbligatoria per lavoratori collocati per vie ordinarie e successivamente riconosciuti invalidi; opportunità per gli invalidi lavoratori considerati tra i collocati obbligatoriamente;
  • dal 67% – Esenzione dal pagamento del ticket per le prestazioni di assistenza specialistica, ambulatoriale, di diagnostica strumentale e di laboratorio; eventuali agevolazioni per graduatorie di case popolari e agevolazioni sul canone del telefono in base al reddito;
  • dal 74% – Si ha diritto a tutte le esenzioni precedenti, più a un assegno mensile di 291,69 euro per 13 mensilità, con un reddito non superiore ai 5.010,20 euro annui.
  • dal 75% o sordomuti – Riconoscimento di un’anzianità figurativa pari a due mesi per ogni anno di lavoro svolto dopo il riconoscimento dell’invalidità, fino a un massimo di 60 mesi (vale solo per i lavoratori dipendenti).
  • Invalidi al 100% – Tutte le agevolazioni precedenti, più la pensione di inabilità di 291,69 euro al mese, per 13 mensilità, per redditi non superiori a 17.050,42 euro.
  • Invalidi al 100% con necessità di assistenza – Tutte le agevolazioni precedenti, compresa la pensione di inabilità, più l’indennità di accompagnamento pari a 525,17 euro al mese, a prescindere dal reddito.

Se il paziente è minorenne:

  • con difficoltà persistenti a svolgere le funzioni proprie della sua età o con perdita uditiva superiore a 60 decibel nell’orecchio migliore – Spetta un’indennità di frequenza pari a 291,69 euro al mese, per 13 mesi, con un limite di reddito annuo personale non superiore a 5.010,20 euro. Si ha diritto alla frequenza continua o periodica presso centri ambulatoriali o diurni anche semi-residenziali pubblici o privati, con scopi terapeutici, riabilitativi o di recupero e alla frequentazione di scuole di ogni ordine e grado o, in alternativa, ai centri di formazione o addestramento professionale;
  • con necessità di assistenza continua – Ha diritto a un’indennità di accompagnamento pari a 525,17 euro al mese, a prescindere dal reddito personale.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook.

Ricevi subito la guida illustrata con tutte le agevolazioni per l’invalidità civile

Tabelle per invalidità civile: Legge 104

Per quanto riguarda il giudizio della commissione per la Legge 104, è doveroso distinguere tra l’articolo 3 comma 1 e l’articolo 3 comma 3, che differenziano le condizioni di gravità dell’handicap.

  • L’articolo 3 comma 1 si riferisce allo stato di handicap non grave – Spettano tutti i benefici previsti dalla Legge 104, ma non spettano i permessi lavorativi per sé o per assistere un familiare invalido e neppure il congedo straordinario di due anni.
  • L’articolo 3 comma 3 si riferisce allo stato di handicap grave – Spettano tutti i benefici previsti dalla Legge 104, compresi i permessi lavorativi orari o giornalieri per sé o per assistere un familiare con disabilità grave e il congedo straordinario di due anni per assistere il familiare con disabilità grave.

Tabelle per invalidità civile: ricorso, revisione e visita per aggravamento

Tabelle per invalidità civile. Può accadere che, il giudizio della commissione medica non incontri il parere favorevole del richiedente. Se si ritiene non corretta la valutazione riconosciuta nel verbale, si può presentare ricorso, chiamato “accertamento tecnico preventivo”, entro 180 giorni dalla notifica del verbale. Occorre farsi assistere da un legale e presentare il ricorso al Tribunale territorialmente competente.

Se sussistono le condizioni, il paziente può richiedere una nuova visita per aggravamento, seguendo la stessa procedura del primo accertamento. Bisogna recarsi dal proprio medico curante, che rilascerà un certificato introduttivo sul quale è indicata l’aggravamento della patologia. Il certificato va inviato telematicamente all’INPS, che convocherà il richiedente a visita medica, tenuta presso l’Asl di competenza.

Se sul verbale è indicata una visita di revisione, la persona invalida dovrà sottoporsi, dopo un periodo di tempo indicato sul verbale, a una nuova visita medica, per valutare l’aggravarsi o l’eventuale miglioramento delle condizioni di salute. Nel periodo dell’accertamento, il paziente non perde benefici e agevolazioni ricevute dopo la prima visita di controllo.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Tabelle per invalidità civile
Tabelle per invalidità civile: i giudizi della commissione medica.
Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie