Tagli pensioni 2020 e 2021: ecco chi e come sarà danneggiato

Ufficiale una riduzione dei coefficienti di trasformazione e quindi delle pensioni



2' di lettura

Le pensioni saranno più basse il prossimo anno. E no, purtroppo, non è una novità. Negli ultimi dieci anni non si è arrestato il trend negativo, ma che stavolta potrebbe avere conseguenze più drammatiche. Di mezzo, infatti, l’Italia ha dovuto affrontare la pandemia da Covid-19, che ha assestato un colpo decisivo ai già fragili equilibri economici.

Perché le pensioni saranno più basse?

Per determinare, quanto è elevata una pensione, bisogna conoscere i coefficienti di trasformazione. Quei fattori che vengono utilizzati per il calcolo contributivo. Più il coefficiente è elevato e più la pensione cresce.

Come potete immaginare, la situazione dei coefficienti non sta andando bene. Con la legge Fornero, si è voluto premiare ulteriormente i lavoratori che escono più tardi dal mondo del lavoro. E, quindi, più tardi decidi di andare in pensione e più il tuo contributo sarà elevato.

Taglio pensioni: quanto nel 2021-2022?

Per il biennio 2021/2022 è previsto un ulteriore taglio dei coefficienti, rispetto agli anni passati. Per capire, come è cambiata la situazione, vediamo cosa è successo dal 2009 utilizziamo un esempio citato da ItaliaOggi. Prendiamo come riferimento un montante contributivo di 100mila euro. Ecco come sarebbe cambiata la situazione:

  • entro il 2009: il minimo del contributo è di 6136 euro;
  • tra il 1° gennaio 2010 e il 31 dicembre 2012: la pensione è stata di 5.620 euro, 516 euro in meno rispetto al 2009;
  • tra il 1° gennaio 2013 e il 31 dicembre 2015 la pensione è stata di 5.435 euro, 185 euro in meno rispetto al 2012 e 701 euro in meno rispetto al 2009;
  • tra il 1° gennaio 2016 e il 31 dicembre 2018 la pensione è stata di 5.326 euro, 109 euro in meno rispetto al 2015, 185 euro in meno rispetto al 2012 e 810 in meno rispetto al 2009;
  • tra il 1° gennaio 2019 e fino al 31 dicembre 2020 la pensione è di 5.245 euro, ossia 81 euro in meno rispetto al 2018, 266 euro in meno rispetto al 2012 e 891 euro in meno rispetto al 2009;
  • tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022 la pensione sarà di 5.220 euro, cioè 25 euro in meno rispetto al 2020, 106 euro in meno rispetto al 2018, 215 euro in meno rispetto al 2015, 400 euro in meno rispetto al 2012 e 916 euro in meno rispetto al 2009.

Come sono cambiati i valori del coefficiente contributivo quest’anno

Eta’DivisoriValori
5723,8924,186%
5823,3144,289%
5922,7344,399%
6022,1494,515%
6121,5584,639%
6220,9654,770%
6320,3664,910%
6419,7635,060%
6519,1575,220%
6618,5495,391%
6717,9385,575%
6817,3245,772%
6916,7075,985%
7016,0906,215%
7115,4656,466%
Dati estrapolati da Money.it

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!