Nuovo taglio del cuneo fiscale a 25mila euro in arrivo?

Come funzionerà il nuovo taglio del cuneo fiscale del Decreto Aiuti Bis? Scopri quanto aumenteranno gli stipendi.

5' di lettura

Uno dei principali temi di questa campagna elettorale è il taglio del cuneo fiscale. A dire la verità si tratta di un provvedimento che era già previsto dal governo uscente a guida Mario Draghi.

In particolare il dl Aiuti (ribattezzato “Decreto Aiuti Bis”), che proprio in questi giorni è al vaglio del Parlamento, si propone di ampliare il raggio d’azione intervenendo anche sui redditi al di sotto dei 35mila euro. Vediamolo nel dettaglio. (scopri le ultime notizie su mutui e prestiti. Leggi su Telegram tutte le news sulla finanza personale. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE

Taglio del cuneo fiscale sui redditi medio bassi

Come avanzato a  beneficiare del taglio del cuneo fiscale saranno i lavoratori con redditi fino a 35mila euro. Ma in questo caso l’entità dello sgravio si lega anche alle risorse necessarie per l’anticipo della rivalutazione delle pensioni rispetto a gennaio 2023 già annunciata ai sindacati.

Le ipotesi sono allo studio dei tecnici di palazzo Chigi, del Mef e del ministero del Lavoro, in vista della presentazione del Dl Aiuti bis da 14,3 miliardi di euro. L’intervento andrebbe ad aggiungersi all’esonero contributivo dello 0,8% introdotto dalla legge di Bilancio 2022 per i dipendenti pubblici e privati con retribuzioni fino a 35mila euro.

In particolare, introducendo la soglia di 25mila euro si avrebbe un effetto rafforzato sui redditi medio-bassi, mentre la fascia da 25mila a 35mila continuerebbe a beneficiare del taglio dello 0,8% fino a dicembre.

Su TheWam.net abbiamo spiegato di quanto dovrebbero aumentare gli stipendi, con l’applicazione di una riduzione dei contributi.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulla finanza personale, la gestione del credito e dei debiti. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Taglio del cuneo fiscale: nuovo sgravio contributivo

Per aumentare gli stipendi, così da contrastarne la perdita del potere d’acquisto, il governo introdurrà un nuovo sgravio contributivo che – secondo indiscrezioni – dovrebbe essere dell’1%. Ciò si aggiunge a quanto già fatto dalla legge di Bilancio 2022, con la quale per la parte di contributi dovuta dal lavoratore è stato previsto uno sgravio dello 0,8%, ma solamente per gli stipendi che non superano i 2.692 euro lordi.

Complessivamente, dunque, con il decreto Aiuti bis lo sgravio contributivo dovrebbe essere portato all’1,8%, ma solamente nei confronti di coloro che hanno un reddito lordo non superiore a 35 mila euro, e solo per l’anno corrente.

Taglio del cuneo fiscale: pensioni più basse?

In molti si chiedono se il taglio del cuneo fiscale non nasconda una beffa per il lavoratore, ossia se l’aumento di stipendio potrebbe comportare un domani la riduzione della pensione.

Pensare ciò sarebbe un errore. È vero infatti che il lavoratore versa meno contributi, ma quella parte non va comunque persa. È l’Inps, grazie alle risorse stanziate con la legge di Bilancio 2022, a farsi carico di quello 0,8%, il quale viene versato regolarmente per conto del lavoratore e sarà riconosciuto a tutto gli effetti per il calcolo della pensione.

Taglio del cuneo fiscale a 25mila euro?
Taglio del cuneo fiscale a 25mila euro?

Taglio del cuneo fiscale: rivalutazione delle pensioni

Tra le novità c’è poi la tempistica della proroga degli sconti sulle accise dei carburanti, che potrebbe fermarsi al 20 settembre aggiungendo quindi un solo mese rispetto all’ultima proroga che ha fissato lo sconto di 30 centesimi, Iva inclusa, al 21 agosto.

Su TheWam.net abbiamo elencato anche gli altri principali contenuti del Decreto Aiuti bis, analizzando in dettaglio gli effetti di un adeguamento anticipato delle pensioni di vecchiaia, dell’indennità di accompagnamento e delle pensioni di invalidità.

Sul portale abbiamo anche analizzato il nuovo volto del bonus 200 euro, che sarà garantito agli esclusi del primo Decreto Aiuti, parlando anche dei pagamenti in ritardo.

Per esempio? Gli accrediti relativi all’integrazione sul reddito di cittadinanza, che non è arrivata per tutti.

Taglio del cuneo fiscale: estensione bonus 200 euro e smart working

Nel pacchetto di misure sul lavoro, inoltre,  il ministro Orlando ha quantificato ai sindacati in 25 milioni le risorse per l’estensione dell’una tantum di 200 euro.

Si tratta in sostanza di 125mila lavoratori dipendenti che – pur percettori di reddito inferiore ai 35mila euro – nei primi sei mesi dell’anno non hanno beneficiato dell’esonero contributivo previsto dalla legge di bilancio 2022, in quanto interessati da eventi (maternità o cassa integrazione) coperti solo figurativamente dall’Inps.

A questi lavoratori l’indennità è riconosciuta in via automatica, sulla base di un’autodichiarazione, nella retribuzione erogata a ottobre.

Sarà prorogato, sempre secondo quanto annunciato dal ministro Orlando, lo smart working per i lavoratori fragili e i genitori con figli minori di 14 anni, scaduto il 31 luglio (la durata è oggetto di valutazione tra Lavoro e Mef, si ipotizza fino a fine ottobre o fino alla fine dell’anno).

Taglio del cuneo fiscale: emergenza idrica

Nel Dl sono previste anche misure per fronteggiare l’emergenza idrica. Sono stanziati 200 milioni di euro per interventi diretti a favorire la ripresa dell’attività economica e produttiva in favore delle imprese agricole che hanno subito danni derivanti dall’eccezionale siccità.

È previsto che la dichiarazione dello stato di emergenza nazionale di protezione civile, in relazione al rischio derivante da deficit idrico, possa essere adottata anche qualora sia possibile prevedere che lo scenario in atto evolva in emergenza.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie