Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Fisco e tasse / Tari per non residenti: devo pagarla lo stesso?

Tari per non residenti: devo pagarla lo stesso?

Scopri se la tari per non residenti si paga e in quali casi può essere chiesta l'esenzione.

di The Wam

Marzo 2022

Oggi parliamo della Tari per non residenti, cercando di capire se questa tassa vada pagata o meno quando non si vive in una casa. Scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito.

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Tari per non residenti: cos’è?

La Tari è una tassa sui rifiuti, un contributo che ha la funzione di finanziare i costi dei servizi di raccolta, gestione e smaltimento dell’immondizia. Va pagata da chiunque possegga un immobile, a qualsiasi titolo: proprietà e locazione.

È stata introdotta nel 2014, è di tipo comunale e tra i vari criteri che fanno salire o scendere il suo importo c’è il numero di componenti che occupano l’immobile, la sua posizione, la metratura e la natura del suo utilizzo.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook.

Tari per non residenti: va pagata oppure no?

Come detto, la Tari deve essere pagata da chi occupa un immobile, a qualsiasi titolo.

Se non si è residenti, invece, c’è un unico caso in cui non si deve pagare:

Una volta affittata l’abitazione la Tari spetta all’inquilino che a tutti gli effetti acquisisce diritti e doveri sull’immobile.

In tutti gli altri casi, quando non si è residenti, si può chiedere una riduzione del costo.

Infatti la Tari riguarda la quantità di rifiuti che vengono prodotti. Se si dimostra di avere la residenza altrove, oppure portando delle bollette che dimostrino che in quella dimora si passano periodi sporadici, si può chiedere una riduzione dei costi, ma non l’esenzione totale.

Se vuoi scoprire come risparmiare ulteriormente sulla Tari, leggi questo nostro approfondimento.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Tari per non residenti: devo pagarla stesso?
Tari per non residenti: devo pagarla stesso?

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp