Tassi bassi per i mutui: sta finendo la “bella stagione”

4' di lettura

Tassi bassi per i mutui: la stagione della super convenienza, con un costo del denaro ai minimi storici, sembra ormai destinata a finire. Una stagione che è durata molto, almeno 7 anni, caratterizzata da tassi negativi per i titoli a breve termine, mutui a tasso variabile allo 0,5% e a tasso fisso sotto l’1%.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Troppo bello per essere vero. O meglio: troppo bello per durare per sempre.

Ma la stagione dei tassi bassi per i mutui non finirà in un istante. Il ritorno a tassi più alti (diciamo nella norma) sarà piuttosto lento e graduale.

Tassi bassi per i mutui: fissi o variabili

Ci sarà tempo dunque per adattarsi alle nuove percentuali. Non sarà uno choc. Ma certo la spinta notevole al mercato immobiliare potrebbe in parte essere attenuata da un maggior costo del denaro.

E infatti, terminato il lungo periodo dei tassi bassi per i mutui, cosa accadrà, in particolare per i mutui ipotecari? E sarà più conveniente scegliere finanziamenti a tassi fissi o variabili?

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Tassi bassi per i mutui: il successo del Mutuo Giovani

Il mercato immobiliare italiano è in netta ripresa dopo anni davvero difficili. Oltre ai mutui a tassi bassi, la crescita del settore è dovuta anche al successo del Mutuo Giovani con fondo garantito, voluto dal Governo e riproposto fino al 2023.

Nella manovra finanziaria, infatti, proprio per assicurare maggiore supporto a questa misura sono stati stanziati altri 240 milioni, tutti destinati alla garanzia dei mutui per i giovani.

Non è poco. Ma diventa molto se si aggiungono gli altri 150 milioni che non sono stati spesi dagli stanziamenti precedenti.

Tassi bassi per i mutui: miliardi nel settore immobiliare

Direte: poche centinaia di milioni? Ebbene quelle “poche” centinaia di milioni consentiranno nuove migliaia di operazioni mettendo in circolo miliardi per finanziare nuovi mutui. Con evidenti benefici per l’intero settore immobiliare.

Tassi bassi per i mutui: più mutui, meno proroghe

A sostegno della buona salute del settore mutui c’è un dato emerso nelle ultime settimane: il ribaltamento delle proporzioni tra le richieste per nuovi mutui e surroghe. Lo scorso anno ogni 100 operazione, 70 erano surroghe e 30 nuovi acquisti.

Come sapete le surroghe sono in genere richieste da chi ha qualche difficoltà a restituire il finanziamento (difficoltà che sono state evidentemente aggravate dalle conseguenze della pandemia).

Quest’anno le proporzioni sono del tutto invertite: 70% richieste di nuovi mutui e 30% di surroghe.

Un altro segnale che evidenzia la buona salute del settore.

Un settore che comunque è ancora molto lontano dai massimi del 2008: è sotto di un buon 25%.

Tassi bassi per i mutui: cosa è successo sul mercato

Tassi bassi per i mutui, torniamo in argomento. L’inversione di tendenza, il rialzo dei tassi è lentamente iniziato già all’inizio del 2021. In modo costante ma molto contenuto.

Vediamo cosa è cambiato tra gennaio e novembre:

  • prestiti a 10 anni: a gennaio 0,5%, a novembre 0,91%;
  • In questi mesi sono cresciuti anche i tassi a 20 anni (1%) e quelli sui 30 (1,26%).

Nessuna variazione invece per i prestiti a tasso variabile. I tassi dei finanziamenti a 10, 20 e 30 anni, sono scesi, anche se in misura quasi impercettibile.

Tassi bassi per i mutui: tasso fisso

E allora, in questa fase conviene il tasso fisso o quello variabile se si ha intenzione di accendere un mutuo?

Non c’è dubbio sia conveniente il tasso fisso, soprattutto se si prevedono – e sul punto gli indicatori sono precisi, così come le opinioni degli esperti – aumenti inevitabili e forse importanti dei tassi di mercato.

Un punto sul quale sono in pieno accorso anche i risparmiatori: il 90% dei mutui sono a tasso fisso. Come si diceva una volta, una maggioranza bulgara.

Tassi bassi per i mutui: costi accessorie

L’aumento dei tassi di interesse ha inciso sull’aumento dei costi accessori di accensione, gestione, finanziamento e perizia (in tutto qualche migliaio di euro).

L’aumento è da addebitare – sostengono le banche – al tasso che è risalito e non all’aumento delle spese accessorie, che inciderebbero invece solo di pochi centesimi.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie