Tavecchio ritorna i sella e si candida alla dirigenza della Lnd

Carlo Tavecchio, 77 anni, presidente della Federcalcio dall'11 agosto 2014 al 20 novembre 2017 (si dimise dopo il flop mondiale), punta alla scalata della “sua” Lega Nazionale Dilettanti. Riparte candidandosi alla presidenza del Comitato Regionale Lombardia, il più importante in Italia: un ritorno a casa, la sua carriera dirigenziale è iniziata proprio da lì.

Tavecchio ritorna i sella e si candida alla dirigenza della Lnd
Carlo Tavecchio torna all'attacco e ricomincia dalla Lombardia, puntando al posto come presidente del comitato Regionale della Lega Nazionale Dilettanti.
2' di lettura

La Lega Nazionale Dilettanti costituisce la base della piramide del calcio italiano: 12.032 società e 1 milione 50 mila 451 tesserati. In una stagione (senza covid) si disputano 568.573 gare. E la Lombardia è la Regione leader; traguardo dell’ex presidente della Figc più chiacchierato di sempre, Carlo Tavecchio.

La regione rappresenta il 50 per cento della Lega Dilettanti: 60.292 dilettanti, 152.157 calciatori del settore giovanile e scolastico (totale 182.449 calciatori). Nessuna Regione può vantare quelle cifre. Il Cr Lombardia come peso vale una Federazione olimpica.

Pensionato a chi?

Tavecchio è ambizioso e tenace, non si è mai arreso anche quando lo hanno fatto uscire di scena. E non ha mai smesso di lavorare; è rimasto ad occuparsi della Immobiliare della Lnd, di cui è amministratore unico: dei campi in erba artificiale, delle luci, dei led a bordocampo.

È rimasto nel suo mondo. Ha conservato le vecchie amicizie, anche politiche, e ora vuole tornare in sella:

«La Lombardia è il fiore all’occhiello del mondo dilettantistico e sarebbe grave non potesse essere rappresentata da una dirigenza», ha dichiarato Tavecchio nel corso di una conferenza stampa tenuta su Zoom, riferendosi al provvedimento assunto dalla LND che ha nominato Antonello Cattelan reggente del Comitato.

«Non entro nel merito di chi ha dato le dimissioni, si è confuso un fatto emotivo con un fatto istituzionale: la Figc e le Leghe sono organismi che vivono a prescindere dagli uomini che le comandano».

Subito a gamba tesa

Tavecchio ha inoltre criticato la scelta che ha portato alle dimissioni della maggioranza dei consiglieri del comitato, provocando di fatto la decadenza dell’intero direttivo. Il presidente uscente del Comitato lombardo, Giuseppe Baretti, si trova al momento in ospedale.

«Stiamo vivendo un momento delicatissimo, dove anche le società di Serie A hanno problemi economici di gestire e la Lega Dilettanti rischia di essere relegata all’angolo e passerebbe da una posizione di preminenza a una di opposizione», ha proseguito Tavecchio, concludendo così:

«La Lombardia, che ha la maggioranza di contribuenti, è in condizione di non essere rappresentata a livello nazionale. Il fatto che il Reggente possa mandare alle elezioni solo i Delegati Assembleari e non il Consiglio direttivo è gravissimo perché le società non hanno colpe e le dimissioni non sono arrivate certo da un loro volere».

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie