Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Fisco e tasse » Pignoramento / I tempi tra l’atto di precetto e il pignoramento

I tempi tra l’atto di precetto e il pignoramento

I tempi tra l’atto di precetto e il pignoramento: vediamo perché è importante verificare la tempistica e qual è il limite oltre il quale può partire l’azione esecutiva. Come deve comportarsi il cittadino dopo che ha ricevuto la notifica.

di The Wam

Aprile 2024

I tempi tra l’atto di precetto e il pignoramento, la verifica del rispetto di questa tempistica è fondamentale, perché, come potrai vedere in questo post, c’è un termine di 10 giorni prima del quale non è possibile dare il via all’esecuzione. Ma non solo. (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

I tempi tra l’atto di precetto e il pignoramento: perché sono importanti

Chi si trova nelle necessità di dover saldare un debito, che sia la conseguenza di una sentenza giudiziaria, di un contratto di mutuo non onorato, di assegni o cambiali non pagati, o di un decreto ingiuntivo ignorato, si chiede quanto tempo passa tra l’invio dell’atto di precetto e l’effettuazione del pignoramento. Ovvero, quanto tempo si ha a disposizione prima che i propri beni vengano effettivamente pignorati per soddisfare il creditore.

L’atto di precetto è un ultimo avviso che il creditore invia al debitore: se il debito non viene saldato entro un certo termine, procederà con il pignoramento dei beni. Il termine è di 10 giorni e rappresenta una sorta di ultima chance per il debitore.

Ma non è detto che il pignoramento avvenga automaticamente allo scadere del decimo giorno dall’arrivo dell’atto di precetto. Le tempistiche reali possono variare, arrivando anche a settimane o mesi. Dipende delle circostanze.

Di certo quel periodo di tempo non concede al debitore la possibilità di sottrarsi alle proprie responsabilità (alienando il patrimonio personale).

Come sai la vendita o la donazione di beni possono essere facilmente annullabili dal creditore. La conseguenza per il debitore è solo una: l’aumento delle spese legali a suo carico.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Cos’è l’atto di precetto e a cosa serve

L’atto di precetto è quindi una comunicazione formale inviata dal creditore al debitore. Ha lo scopo di informare ufficialmente il debitore che, se non provvederà a saldare il suo debito entro 10 giorni, il creditore inizierà le procedure esecutive per il recupero forzato del credito. In pratica: il pignoramento dei beni.

L’intenzione del creditore

Il precetto è un avviso finale per il debitore. L’ultima opportunità di estinguere il debito senza incorrere in ulteriori spese legali e al pignoramento. È una pratica che oltre alla trasparenza segnala la volontà di risolvere la situazione in maniera meno conflittuale.

La reazione del debitore

Una volta ricevuto l’atto di precetto, il debitore ha quindi la possibilità di contattare direttamente l’avvocato del creditore per cercare un accordo soddisfacente per entrambe le parti. Può prendere varie forme, come la dilazione del pagamento o un saldo e stralcio, che consente di chiudere il debito pagando una somma inferiore all’importo totale dovuto.

Siamo quindi di fronte a un’ultima possibilità di dialogo tra le parti, prima che la situazione si complica con il pignoramento.

Se non si paga il precetto

Il passaggio al pignoramento

Se il debitore non adempie al pagamento richiesto dall’atto di precetto entro i 10 giorni stabiliti, il creditore avvia la procedura di pignoramento. Si dà quindi l’avvio all’esecuzione forzata: un ufficiale giudiziario, su incarico del creditore, procederà al sequestro dei beni del debitore fino a coprire l’importo del debito.

Le azioni del creditore

Il creditore, in questa fase, dispone di alcune opzioni per individuare i beni del debitore da pignorare:

Dopo quanto tempo dal precetto arriva il pignoramento?

La legge stabilisce chiaramente che il pignoramento non può avvenire prima di 10 giorni dalla notifica dell’atto di precetto. Questo periodo garantisce un tempo minimo per il debitore di rispondere al precetto, ma ci sono anche dei limiti massimi da considerare:

Il ruolo dell’Anagrafe Tributaria

Se il creditore decide di consultare l’Anagrafe Tributaria, il termine di 90 giorni si sospende fino a quando non ottiene le informazioni necessarie. In questo modo si allunga il tempo che precede il pignoramento, dando più spazio al creditore per organizzare un’azione esecutiva più efficace.

Quali sono le azioni da fare prima del pignoramento

Quando un debitore si trova di fronte alla minaccia di un pignoramento, il primo pensiero è quello di proteggere i propri beni. È importante sapere però che ci sono azioni specifiche che possono essere intraprese legalmente per evitare che questi tentativi vengano annullati o considerati illegittimi.

Protezione del minimo vitale

Il pignoramento di stipendi o pensioni deve comunque rispettare il principio del minimo vitale. Ovvero non può ridurre l’importo disponibile al debitore al di sotto di una soglia stabilita per garantire un’esistenza dignitosa. Questo limite è impostato al doppio dell’assegno sociale per il pignoramento di stipendi o pensioni (circa 1000 euro).

Il precetto quante volte può essere rinnovato

Una volta che il termine di 90 giorni dall’emissione dell’atto di precetto si conclude senza che sia stato effettuato il pignoramento, il creditore ha infatti la possibilità di emettere un nuovo atto di precetto, riavviando il conto alla rovescia di 90 giorni e offrendo nuovamente al debitore un termine di 10 giorni per il pagamento del debito.

Iterazione del processo

Non esiste un limite al numero di volte in cui questo processo può essere ripetuto. Significa che il creditore può teoricamente notificare più atti di precetto, uno dopo l’altro, ciascuno dei quali interrompe i termini di prescrizione del debito e dà al debitore un’altra opportunità per saldare quanto dovuto prima di procedere con il pignoramento.

Effetto sulla prescrizione del debito

La notifica di un atto di precetto, come abbiamo accennato, interrompe i termini di prescrizione del debito, azzerando il conteggio del tempo che potrebbe portare alla prescrizione. Questo aspetto giuridico assicura che il debitore non possa evitare il pagamento del debito semplicemente attendendo che il tempo passi.

È un meccanismo che fornisce al creditore uno strumento potente per incentivare il pagamento, pur offrendo al debitore ripetute occasioni di adempiere alle proprie obbligazioni finanziarie in maniera strutturata.

I tempi tra l’atto di precetto e il pignoramento
Nell’immagine un uomo ha appena ricevuto un atto di precetto e controlla il tempo che lo separa dall’inizio del pignoramento.

FAQ (domande e risposte)

Perché i tempi tra atto di precetto e pignoramento sono cruciali?

I tempi tra l’emissione dell’atto di precetto e l’attuazione del pignoramento sono fondamentali poiché stabiliscono un percorso legale obbligatorio che il creditore deve seguire per recuperare il credito. Questo intervallo offre al debitore un’ultima opportunità per saldare il debito evitando procedure esecutive più invasive e costose. Inoltre, impedisce al creditore di procedere immediatamente al pignoramento senza fornire al debitore il tempo necessario per adempiere al pagamento o per negoziare un accordo.

Qual è il termine minimo prima del pignoramento dopo un atto di precetto?

Il termine minimo prima che possa avvenire un pignoramento dopo l’invio dell’atto di precetto è di 10 giorni. Questo periodo è inteso come una finestra temporale obbligatoria durante la quale il debitore ha l’opportunità di saldare il debito o di trovare una soluzione concordata con il creditore, prima che quest’ultimo possa iniziare le procedure di pignoramento.

Quali conseguenze comporta il non pagare subito dopo l’atto di precetto?

Non pagare il debito entro i 10 giorni dall’atto di precetto consente al creditore di avviare le procedure di pignoramento. Questo comporta l’intervento di un ufficiale giudiziario per il sequestro dei beni del debitore fino a coprire l’importo dovuto. Le conseguenze possono includere il pignoramento di beni mobili, immobili, conti correnti, e perfino quote dello stipendio o della pensione, con un significativo impatto finanziario e personale sul debitore.

Entro quanto tempo deve avvenire il pignoramento dopo l’atto di precetto?

Il pignoramento deve avvenire entro 90 giorni dall’atto di precetto, altrimenti quest’ultimo perde la sua efficacia. Tuttavia, la pratica comune vede spesso tempi più lunghi, poiché il creditore deve attendere la conferma di ricezione dell’atto di precetto e preparare l’atto di pignoramento. La consultazione dell’Anagrafe Tributaria può ulteriormente prolungare questo periodo.

Quali azioni del debitore sono revocabili prima del pignoramento?

Azioni come la vendita o la donazione di beni possono essere revocate su richiesta del creditore se effettuate prima del pignoramento, in quanto considerate tentativi di eludere il recupero credito. Anche movimenti di denaro sospetti tra conti correnti possono essere soggetti a revoca. Tuttavia, prelievi di denaro per esigenze personali, entro certi limiti, non sono revocabili.

Il precetto può essere rinnovato dopo i 90 giorni di efficacia?

Sì, il precetto può essere rinnovato dopo i suoi 90 giorni di efficacia. Se il pignoramento non è stato eseguito entro questo periodo, il creditore ha la possibilità di emettere un nuovo atto di precetto, riavviando il ciclo di 90 giorni e offrendo al debitore altri 10 giorni per il pagamento. Questo processo può essere ripetuto più volte, permettendo al creditore di mantenere attiva la propria richiesta di pagamento senza limiti al numero di rinnovi.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul fisco e sulle tasse:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp