Tentato omicidio e lesioni aggravate in Valle Caudina: in tre a processo

Tentata estorsione ai pakistani: in sette verso il processo
1' di lettura

Dovranno essere tutte processate le tre persone coinvolte, a vario titolo, nel ferimento con pistola ai danni di due ragazzi della Valle Caudina. Avvenuto nell’ottobre del 2018. E’ questa la decisione del gup, Marcello Rotondi, al termine dell’udienza preliminare che si è celebrata questa mattina presso il tribunale di Avellino.

Le accuse

Il prossimo 5 luglio dovranno perciò comparire, di fronte al collegio giudicante presieduto da Sonia Matarazzo, il 32enne beneventano Giuseppe De Martino (difeso dall’avvocato Valeria Verrusio), accusato di tentato omicidio, lesioni aggravate e detenzione e porto abusivo di armi da fuoco, il 38enne, Giovanni Marro, accusato di concorso in tentato omicidio e lesioni aggravate (difeso di fiducia dall’avvocato Filomena Girardi) e il 37enne. Carmine De Martino. (difeso dall’avvocato Pasquale Maccariello). accusato di concorso in lesioni aggravate.

Due episodi nel mirino

Due gli episodi finiti nel mirino del pm, Paola Galdo, che ha delegato le indagini ai carabinieri, avvalendosi del consulenza dell’ingegnere Alessandro Lima. Il primo avvenuto a San Martino in cui sarebbero stati esplosi, dall’auto guidata da Marro, sette proiettili calibro 9×21 contro un 29enne. Il secondo registrato a Cervinara quando un 22enne era stato ferito a un piede nei pressi della sua abitazione: di qui l’accusa di lesioni aggravate per i tre imputati. In entrambi i casi, per gli inquirenti, a sparare sarebbe stato Giuseppe De Martino.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Iscriviti al bot di Messenger e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!