Terza dose di vaccino, ai 50enni entro la fine dell’anno

Terza dose di vaccino, ai 50enni entro la fine dell'anno: la campagna vaccinale rallenta per le prime dosi, il governo decide di accelerare sui richiami. Difficile raggiungere quota 90% di vaccinati, nell0ultima settimana dimezzato il numero delle prime somministrazioni. I casi in Italia sono di nuovo in aumento, meno che nel resto d'Europa, ma il governo invita comunque alla prudenza.

4' di lettura

Terza dose di vaccino, entro la fine dell’anno inizierà la somministrazione anche ai 50enni. Se la campagna vaccinale rallenta per le prime dosi, che sono dimezzate nell’ultima settimana, la struttura commissariale si concentra soprattutto sui richiami.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Nelle prossime settimane si completeranno le immunizzazioni dei fragili e degli ultra 60eenni. Una accelerazione improvvisa, ma non inattesa.

Terza dose di vaccino: estesa subito la platea

Lo ha confermato lo stesso ministro della Salute, Roberto Speranza: «Già entro l’anno ci sarà una estensione della platea, penso ai 50enni».

Oggi, come sapete, la terza dose di vaccino è fortemente raccomandata a tutte le persone over 60 che hanno completato il ciclo vaccinale da sei mesi e ai fragili di ogni età. Subito dopo la terza dose di vaccino sarà estesa a tutti, a cominciare, appunto, dai 50enni.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Dopo la terza dose di vaccino green pass per 12 mesi

Dopo la terza dose di vaccino sarà consegnato ai cittadini un green pass che è valido 12 mesi.

C’è un aspetto che comunque preoccupa gli esperti in questo momento: la lenta progressione delle nuove vaccinazioni. Con questo rischia sarà quasi impossibile raggiungere l’obiettivo, ossia: il 90% di persone vaccinate.

Terza dose di vaccino: difficile il traguardo del 90% di vaccinati

Che è un traguardo importante. O almeno così lo definisce il commissario per l’emergenza covid, Francesco Paolo Figliuolo.

I dati purtroppo parlano chiaro, e non invitano all’ottimismo: nell’ultima settimana sono state somministrate poco più di 26mila prime dosi al giorno. Per un totale di 184mila. Il 50% in meno rispetto alla settimana precedente.

L’effetto green pass sembra terminato: chi ha deciso di non vaccinarsi continuerà a non farlo.

Terza dose di vaccino: l’aumento dell’indice Rt

Bisogna però fare anche i conti con un aumento dell’indice Rt, che è passato da 0,86 a 0,96 e secondo le proiezioni degli esperti dovrebbe balzare la prossima settimana a un preoccupante 1,14. Il che significa che ogni dieci persone contagiate se ne infettano altre 11,4.

La situazione dell’Italia è migliore rispetto ad altri Paesi europei, ma i numeri della pandemia sono comunque in crescita. Per il ministro Speranza «è necessaria cautela e prudenza, e mantenere misure di precauzione, come le mascherine».

Terza dose di vaccino: cosa può accadere in Italia

Il quadro peggiore per l’Italia potrebbe essere quello simile all’Inghilterra, dove si contano da settimane più di 40mila contagi al giorno, numeri importanti e che stanno facendo aumentare anche i ricoveri e i morti, ma che in proporzione rispetto agli infetti ha conseguenze molto più lievi se i dati si confrontano con quello che accadeva prima del vaccino.

Gli esperti italiani sono comunque convinti che se si continuano a rispettare le regole imposte dal governo quella ondata è evitabile e l’aumento dei casi potrebbe essere contenuto entro limiti facilmente gestibili, non ci sarebbe quindi una nuova crisi del sistema sanitario del Paese.

Sono da tenere sotto osservazione le situazioni che si stanno registrando in molti Paesi dell’Est europeo, dove questa quarta ondata sta facendo più danni delle precedenti, per una scarsa diffusione dei vaccini, ma anche per l’utilizzo di prodotti (come i vaccini russi o cinesi), che non sono stati approvati dall’Ema perché ritenuto poco efficaci.

Terza dose di vaccino: il picco di Trieste

In Italia la zona dove si sta registrando un picco molto alto, e comunque non in linea con il resto del Paese, è Trieste. Lì l’aumento esponenziale dei contagi si sta riverberando anche sulle strutture sanitarie.

Come sapete nei giorni scorsi Trieste è stata l’epicentro della protesta dei no vax, in molti sostengono che quelle manifestazione possano aver contribuito all’esplosione dei contagi.

Ma i contagi sono in aumento in tutto il Paese, ieri sono stati registrati 5.335 casi rispetto ai 4.866 del giorno precedente. Una crescita che è costante da diversi giorni.

L’ultima volta che si è superato il limite dei 5.000 contagi era il 16 settembre 2021, c’è solo una differenza rispetto ad allora: in quel caso la curva era in discesa e non in risalita.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie