Terza dose di vaccino, via libera dell’Ema: per tutti

Terza dose di vaccino, via libera dell'Ema: l'ente regolatorio europeo autorizza la somministrazione per tutti e non solo per i pazienti fragili. Per le persone con problemi autoimmuni può essere iniettata 28 giorni dopo la seconda, per tutti gli altri almeno sei mesi dopo. Si parte a fine ottobre. In campo anche i medici di base e i farmacisti.

4' di lettura

Terza dose di vaccino, è arrivato l’ok dell’Ema, l’ente regolatorio per i farmaci europeo. I fragili potranno farla 28 giorni dopo la seconda dose. Per tutti gli altri dovranno trascorrere almeno sei mesi. Ma nel frattempo sono molti i Paesi già partiti con il richiamo.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

La terza dose di vaccino (Pfizer e Moderna), secondo il comitato per i medicinali umani dell’Ema, «può essere somministrata a persone con sistema immunitario gravemente indebolito, almeno 28 giorni dopo la loro seconda dose».

Terza dose di vaccino, studi sui trapiantati

Sono stati effettuati degli studi su pazienti sottoposti a trapianti di organi, che hanno un sistema immunitario indebolito. La terza dose di vaccino ha accresciuto la capacità di produrre anticorpi.

I responsabili dell’Ema hanno anche precisato che questo aumento di anticorpi non prova in automatico la protezione contro il covid. Ma è una possibilità molto concreta.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Terza dose di vaccino per tutti

Ma non solo pazienti fragili. La terza dose di vaccino sarà somministrata anche al resto della popolazione. In questo caso gli esperti dell’Ema hanno dichiarato che «le dosi di richiamo possono essere prese in considerazione almeno 6 mesi dopo la seconda dose per le persone di età pari o superiore a 18 anni».

Facendo anche una distinzione, che è ritenuta importante: «Bisogna differenziare tra la dose extra per le persone con un sistema immunitario indebolito e le dosi di richiamo per le persone con un sistema immunitario normale».

Terza dose di vaccino: aumento degli anticopri

Per le persone senza problemi di salute (o comunque non considerate fragili), gli scienziati hanno notato un significativo aumento degli anticorpi quando la terza dose di vaccino viene somministrata sei mesi dopo la seconda.

Lo studio è stato condotto con il vaccino Pfizer.

L’Ema ha anche aggiunto che «rischio di condizioni infiammatorie cardiache o altri effetti collaterali molto rari dopo un richiamo non è noto e viene attentamente monitorato».

Terza dose di vaccino: ora decide la politica

La decisione sulla somministrazione delle terze dosi di vaccino passa ora alla politica. L’Ema fornisce sono un parere, che è importante e può essere la base per i provvedimenti dei singoli governi. «Ma gli organismi politici – aggiunge l’Ema – sono nella posizione migliore per tenere conto delle condizioni locali, compresa la diffusione del virus (in particolare qualsiasi variante preoccupante), la disponibilità di vaccini e le capacità dei sistemi sanitari nazionali».

Terza dose di vaccino: la macchina organizzativa

In Italia la macchina organizzativa per la somministrazione delle terze dosi è già avviata. Si parte da fine ottobre.

Si inizia con la fascia over 70 e subito dopo le persone tra i 60 e i 69 anni.

Il piano del commissario Figliuolo prevede che vengano riaperte le prenotazioni considerando la data nella quale è stata somministrata la seconda dose. Chi l’ha fatta prima avrà prima la terza dose di vaccino.

Terminata questa fase “ordinata” e per fasce, si procederà – come è avvenuto nei mesi scorsi – agli open day e alle vaccinazioni senza appuntamento.

Rispetto alle prime e seconde dosi, questo terzo richiamo del vaccino verrà somministrato ai cittadini anche dai medici di base e da 22mila farmacisti che hanno completato il corso di formazione come vaccinatori.

Terza dose di vaccino: l’Italia ha già il prodotto per tutti

Le dosi di vaccino ci sono. Quelle stoccate nella Penisola sono già sufficienti a somministrare la terza dose di vaccino a tutti gli italiani. Non ci saranno dunque stop and go come è accaduto nei primi mesi della campagna di vaccinazione, quando diverse case farmaceutiche hanno fatto registrare ritardi nella consegna del prodotto.

La terza dose di vaccino può essere somministrata per gli over 65 e i fragili insieme al vaccino contro l’influenza.

Terza dose di vaccino: contagi in discesa

Intanto in Italia il trend sulla diffusione del virus è in lenta ma costante discesa. Sono stati registrati ieri meno di 2.000 contagi con un tasso di positività all’1,3%.

Tra le Regioni che hanno oltre 200 casi ci sono l’Emilia Romagna (244), il Lazio (240).

Le vittime sono state 37.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie