Terza dose di vaccino in autunno: ecco per chi

Terza dose di vaccino in autunno: molti Paesi europei l'hanno già decisa, in Italia la discussione è aperta, si aspettano altri dati sulla copertura degli anticorpi. I primi a ricevere il terzo richiamo saranno i pazienti fragili, gli immunodepressi. Poi gli altri, a cominciare da personale medico e anziani. Gli esperti sono ancora divisi. In Israele sono già partiti.

4' di lettura

Terza dose di vaccino in autunno. La variante Delta impone una accelerazione. Alcuni Paesi (Francia, Germania e Regno Unito) hanno già deciso, altri (Israele) sono già partiti con il terzo richiamo. In Italia se ne parla, molti sono favorevoli, altri un po’ meno («Prima completiamo la vaccinazione di chi è senza copertura)», in qualsiasi caso si aspettano i dati: non si sa ancora bene quanto dura la copertura dopo il primo ciclo di vaccinazioni.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Terza dose di vaccino in autunno: ora immunità di gregge

L’accelerazione è stata provocata dalla variante Delta, una mutazione molto più contagiosa che ha anche elevato la percentuale di persone da proteggere per raggiungere l’immunità di gregge (era al 70% con il ceppo tradizionale, siamo arrivati all’85%).

Al momento in Italia sono state somministrate 73 milioni di dosi. In 37 milioni hanno ricevuto almeno una iniezione.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Terza dose di vaccino in autunno: per chi?

Terza dose di vaccino in autunno, dunque. Le probabilità sono molto alte. Ma a chi dovrebbe essere iniettata?

Sicuramente agli anziani (iniziando dagli over 80) e ai pazienti ritenuti più fragili (ma dopo vedremo più nel dettaglio).

Si sta ipotizzando di somministrarla anche al personale medico, in particolare per chi ha ricevuto il vaccino a inizio anno (sapete bene che il green pass “scade” nove mesi dopo il completamento del ciclo vaccinale).

Terza dose di vaccino in autunno: rinforzare la copertura

La terza dose potrebbe essere utile per rinforzare la copertura. Questo effetto è già stato riscontrato con altri vaccini, come quello contro l’epatite B.

Si potrebbe partire con le terze dosi subito dopo aver raggiunto l’80% della copertura vaccinale complessiva del Paese.

Terza dose di vaccino in autunno: al momento è presto

Come detto non tutti gli esperti sono favorevoli a somministrare la terza dose. Soprattutto non così presto (con l’eccezione per i cittadini che hanno un sistema immunitario compromesso).

I dati che si stanno analizzando in questi giorni non avrebbero rivelato nessuna urgenza, anche perché sembra che la memoria a lungo termine innescata dal vaccino sia molto stabile e non dà segni di cedimento.

Terza dose di vaccino in autunno: altre varianti

È pur vero che ci sono persone con doppia vaccinazione e una presenza molto alta di anticorpi che si sono ammalate di covid. Ma al momento mancano i dati per stabilire l’effettiva necessità di una terza dose. Può essere utile per i pazienti fragili. Per gli altri non ci sono certezze.

O meglio una certezza c’è, forse è meglio definirla timore: con l’arrivo, che non si può mai escludere, di una variante resistente al vaccino la terza dose sarebbe del tutto inutile.

È vero anche un altro dato: nella storia dei vaccini non ci sono mai state inoculazioni così ravvicinate (come appunto la terza) per rinforzare le difese immunitarie. Non c’è nessuna ricerca scientifica sulla questione.

Terza dose di vaccino in autunno: come quello dell’influenza

Cosa diversa è il virus contro l’influenza che viene inoculato ogni anno per generare gli anticorpi necessari a contrastare il virus. In quel caso, ogni anno c’è un ceppo nuovo. La vaccinazione annuale si rende necessaria proprio per questo.

Terza dose di vaccino in autunno: pazienti fragili

Ma vediamo nel dettaglio per chi potrebbe essere ritenuta necessaria la terza dose di vaccino in autunno:

  • pazienti affetti da Hiv
  • con altre malattie autommuni
  • chi ha subito trapianti

Su personale medico e anziani, almeno in Italia, si aspettano dati più precisi. Saranno noti nel prossimo mese, verrà valutata la protezione degli anticorpi a otto, nove mesi dalla fine del ciclo di vaccinazioni.

Nel caso, comunque, il commissario per l’emergenza covid sta già organizzando la fase della terza somministrazione. In ogni caso non sarà iniziata prima dell’autunno. Poi, certo, dipende anche dalla diffusione di altre mutazioni del covid che potrebbero essere più o meno resistenti al vaccino.

Senza dimenticare che sia Pfizer, sia Moderna stanno sperimentando dei vaccini su misura per la variante Delta.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie