Terza dose di vaccino per tutti nel 2022

Terza dose di vaccino per tutti nel 2022: dovrà garantire una copertura di lunga durata e più efficace, a settembre il Paese sarà immunizzato. Con la terza dose saranno somministrati vaccini di seconda generazione ancora più efficaci contro le varianti. Si dovrebbe partire da chi ha avuto il Johnson e Johnson, che è monodose.

4' di lettura

Terza dose di vaccino per tutti nel 2022. La strada è già decisa mentre il Paese viaggia a grandi passi verso l‘immunità di gregge, l’80% delle persone vaccinate. Un obiettivo che si concretizzerà tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno. Alcune regioni, come la Campania, potrebbero centrare il bersaglio già a luglio se la campagna vaccinale non subirà rallentamenti.

Il commissario all’emergenza covid, Francesco Paolo Figliulo, sta già organizzando la terza dose di vaccino per tutti nel 2022. Muoversi con largo anticipo dovrebbe garantire una gestione della profilassi per il prossimo anno molto più agevole. Anche sulla scorta dell’esperienza che si è maturata quest’anno.

Vaccino per tutti nel 2022: già parte l’organizzazione

Ieri il generale è intervenuto alla Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione della Camera dei Deputati. E ha anticipato il piano che prevede la terza dose di vaccino per tutti nel 2022.

«Mi preme rilevare – ha dichiarato – l’importanza della pianificazione che è alla base della sostenibilità della campagna vaccinale». E per questo si deve subito organizzare la «gestione ordinaria dell’attività vaccinale futura».

Meno hub più capillarità

La gestione futura riguarda appunto la terza dose di vaccino per tutti nel 2022.

Il sistema degli hub sarà sostituto da una diffusione più capillare dei centri di vaccinazioni. L’onere organizzativo ricadrà come ora sulle «amministrazioni centrali e locali competenti».

E poi specificando sulla terza dose: «Ad oggi – ha continuato Figliuolo – non è definita la durata della protezione del vaccino: la maggior parte degli scienziati crede che possa essere di circa un anno, ed è chiaro che sulla base di questa stima dobbiamo organizzarci per fare i richiami».

Vaccini, la durata della protezione

La durata della protezione dei vaccini deve essere ancora monitorata. Al momento si hanno più certezze sulla durata della copertura assicurata dalla prima dose. Una ricerca è stata effettuata dall’Istituto Superiore della Sanità e dal ministero della Salute su 14 milioni di persone.

I primi risultati sembrano positivi:

  • dopo 35 giorni il rischio di infezione scende dell’80%
  • Il rischio di ricovero cala del 90%
  • Il rischio di morte del 95%

Questi effetti sono simili sia negli uomini sia nelle donne e a prescindere dall’età.

E non è tutto.

Dopo 105/112 giorni dalla vaccinazione il rischio di infezione scende ancora.

Al momento non sono stati ancora rilevati aumenti del rischio di contagio per periodi più lungo. Un dato che lascia supporre come la protezione sia protratta nel tempo.

La data del terzo richiamo dipende dal vaccino

È naturalmente troppo presto per stabilire quanto dura la copertura dopo la seconda dose. Sarà un dato indispensabile per organizzare la campagna per la terza dose di vaccino per tutti nel 2022. Terza dose, lo ricordiamo, che potrebbero essere dei vaccini di seconda generazione e quindi capaci di coprire anche le eventuali varianti con un semplice richiamo.

Ma resta da verificare un dato. In Italia sono stati somministrati quattro tipi di vaccini diversi. Non tutti potrebbero garantire la stessa durata della copertura.

E quindi, se si scopre, che un farmaco è efficace per un tempo minore rispetto a un altro è chiaro che i tempi di somministrazione saranno diversi.

Prima chi ha fatto Johnson e Johnson

Sul punto c’è già una certezza: ad avere il richiamo per primi dovrebbero essere i cittadini italiani che hanno avuto il vaccino Johnson e Johnson, che è monodose e potrebbe avere una durata dell’immunità più breve.

Si potrebbe anche decidere di verificare quali sono i vaccini migliori, per durata della copertura ed efficacia, e utilizzare per la terza dose solo quelli.

A settembre obiettivo 80%

Intanto però c’è prima da completare l’immunizzazione del Paese. L’obiettivo per l’immunità di gregge, l’80% della popolazione vaccinata, dovrebbe essere raggiunto a settembre. Nel conto anche i 12enni e i 15enni, che non erano stati inclusi nel conto per motivi sanitari.

Il commissario Figliuolo ritiene che gli “irragiungibili” dal vaccino rimarranno pochi, in particolare se si considera la percentuale degli over 80 immunizzati e che si aggira intorno all’83%.

Per essere aggiornato sulle news e i video di TheWam segui questi link:+

WhatsApp

https://thewam.net/redirect-lavoro.html

Facebook

Pagina > https://www.facebook.com/thewam.net/

Bonus > https://www.facebook.com/groups/bonuslavorothewam/

Lavoro > https://www.facebook.com/groups/offertedilavoroeconcorsi/

Pensioni/Invalidità > https://www.facebook.com/groups/pensioninewsthewam/

Assegno Unico > https://www.facebook.com/groups/assegnounicofigli/

Serie TV e Cinema > https://www.facebook.com/groups/CinemaeSerieTvthewam/

YouTube

https://www.youtube.com/c/RedazioneTheWam

Telegram

https://t.me/bonuselavorothewam

Instagram

https://www.instagram.com/thewam_net

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie