Thewam.net, anno nuovo: le sfide che ci aspettano nel 2020

Gli auguri dalla redazione di TheWam.net, l'analisi sull'anno appena terminato, le sfide che ci attendono (noi e voi) nel 2020.

5' di lettura

di Luciano Trapanese e Andrea Fantucchio – Care lettrici, cari lettori, auguri a tutti e grazie perché avete scelto di seguirci. Quello che sta per concludersi è stato il primo anno di vita di Thewam.net. Un sito giovane, anche in un’epoca come questa dove gli anni corrono velocissimi, scanditi dai byte di una rivoluzione digitale sempre più vorticosa. Eppure il nostro giornale online è già riuscito a togliersi tante soddisfazioni. Ogni giorno, secondo Google Analytics, in media sono quindicimila le persone che scelgono di consultarci per conoscere le ultime notizie, confrontarsi con le nostre analisi, leggere le inchieste e gli approfondimenti, condividere i loro pareri con chi cura le nostre rubriche. Spesso si tratta di persone che nella vita fanno altro rispetto a noi ed è questo che rende il loro punto di vista così importante e interessante.

Ci permette, infatti, di non perdere contatto con quella realtà che abbiamo deciso di raccontare. Manentendo il rapporto diretto con la gente che ci legge, consumando ancora la suole delle scarpe, attraverso molte ore passate fuori dalla redazione a cercare spunti, notizie, fonti che poi si rivelano preziosissime per offrire il materiale che consultate ogni giorno.

Abbiamo deciso, fin dalla nascita di questo sito, di dedicare un ampio spazio alle inchieste e ai reportage che cercassero di scavare nell’essenza degli argomenti trattati. Una sfida per noi, che questi articoli siamo impegnati a realizzarli, e per voi che avete scelto di leggerci. Un tipo di informazione che non può essere “mordi e fuggi”, ma richiede del tempo per essere offerta al meglio e altrettanto per essere assimilata. Una scelta che ha finito per pagare. Lo rivelano i dati, che mostrano come sia aumentato il tempo di permanenza sul sito (vuol dire che non vi annoiamo), e i commenti che abbiamo ricevuto.

Forse, il più interessante, è stato sentire da voi, i nostri lettori, che una voce così mancava, che questa informazione aveva senso. Quando a dircelo sono stati degli adolescenti, beh, la soddisfazione è stata doppia. Non erano loro quelli che non leggevano nulla? Forse le cose non stanno così, semplicemente bisogna chiedersi quali siano gli interessi di questi ragazzi e cercare di raccontarli. Al meglio, con senso critico e curiosità, questi giovani chiedono di essere ascoltati. Vogliono che il loro mondo sia descritto e capito.

Nell’anno che sta per terminare abbiano pubblicato decine di storie e reportage esclusivi (abbiamo ricostruito l’attività del primo Clan Partenio e del nuovo gruppo criminale che lo ha sostituito, abbiamo realizzato dei report sulla speculazione edilizia e sul consumo di droga negli ultimi quaranta anni, senza dimenticare vicende che hanno riguardato lo sport cittadino protagonista, purtroppo, più nelle aule di giustizia che in campo). E ci siamo focalizzati, attraverso collaborazioni preziosissime, sul racconto dei gusti musicali di questa provincia, attraverso le interviste ai rapper e ad altri creativi, le analisi giuridiche di episodi spinosi, gli approfondimenti dedicati al cinema locale e nazionale, i viaggi culinari fra le eccellenze della provincia e non solo, le interviste a psicologi e altri esperti che ci hanno aiutato a capire un po’ meglio come funzioniamo voi e noi.

Ma abbiamo commesso anche degli errori. Più di quelli che volevamo. Ecco, il nostro primo proposito è di farne di meno. Essere sempre più chiari nell’esposizione dei fatti, dettagliati nell’attività di inchiesta, coraggiosi nella narrazione degli eventi, bravi nel cogliere questi aspetti che non vengono raccontati altrove, sensibili a quel tipo di pubblico che non siamo ancora riusciti a intercettare.

Una sfida bellissima e ardua. Raccontare il proprio territorio, e poi da lì muoversi senza confini prestabiliti, seguendo la bussola dei fatti da narrare, impedendo che convinzioni e preconcetti, seppur leggitimi, finiscano per rovinare il primo compito che ci siamo prefissati: informare.

In modo imparziale e anche impopolare. Quando i fatti lo richiedono, innescando e supportando le critiche se necessario. Imparando a convivere con quelle critiche e a farne un utile trampolino per migliorare. Ecco, questo è un secondo proposito che speriamo di rispettare.

In quest’anno abbiamo capito, ancora meglio, quali siano i nostri valori e quelli della comunità che vogliamo costruire, principi che formano la mappa degli argomenti che decidiamo di approfondire, delle battaglie che riteniamo giusto intraprendere, senza mai scordare che siamo prima di tutto giornalisti. E crediamo che, il fatto che Thewam.net sia gestito solo da giornalisti, sia un valore aggiunto imprescindibile per realizzare il tipo di piattaforma che abbiamo in mente e che speriamo di far crescere.

Sui nostri valori, ci soffermiamo giusto un attimo, anche perché pensiamo che avete imparato a conoscerli attraverso tutti gli articoli letti: il rispetto dei diritti civili, la tutela delle fasce deboli e dell’ambiente, lo sviluppo di una cultura di legalità, meritocrazia, anticorruzione, integrazione.

Per il 2020 sono tanti i progetti in cantiere. Verrà dato uno spazio sempre maggiore agli approfondimenti, sarà incrementato il rapporto con i lettori che verranno sempre più coinvolti, cresceranno collaborazioni con altre realtà in modo da offrire prodotti sempre più completi e interessanti, sarà offerta sempre maggiore attenzione alla grafica per rendere il nostro lavoro più piacevole da leggere e più interessante. E’ questo il modo con cui riteniamo di ripagare la fiducia e l’affetto che ci avete accordato, scegliendo di leggerci. Ed è questa la formula, che riteniamo vincente, per spingere altre persone a conoscere il nostro progetto e a convincere voi lettori, che già ci avete scelto, a collaborare con maggiore partecipazione, a segnalare situazioni che ritenete meritevoli di approfondimento, a fornire utili spunti per inchieste sempre più soddisfacenti. Vi rinnoviamo gli auguri. Che questo 2020 vi porti tutto quello che maggiormente desiderate.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Iscriviti al bot di Messenger e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!