Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Invalidità Civile » Salute / Ticket sanitario 2022: tutte le esenzioni e i codici

Ticket sanitario 2022: tutte le esenzioni e i codici

Ticket sanitario 2022: quando non si paga? Ecco tutte le situazioni in cui è previsto l'esonero del ticket sanitario.

di Carmine Roca

Giugno 2022

Ticket sanitario 2022: ecco tutte le esenzioni, i codici e quando se ne ha diritto (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE:

Ticket sanitario 2022: cos’è e quando va pagato

Il ticket sanitario 2022 viene pagato per le visite specialistiche, esami di diagnostica strumentale e di laboratorio, per le prestazioni eseguite in pronto soccorso con codice bianco (non seguite da ricovero) e per le cure termali.

Quindi per fruire di queste prestazioni sanitarie è necessario pagare quanto dovuto. In alcuni casi, però, è prevista l’esenzione dal pagamento del ticket.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

L’agevolazione sul ticket sanitario 2022 può essere richiesta per motivi economici associati all’età o alla condizione sociale, ma anche se si è invalidi, se si hanno particolari esigenze legate a una malattia cronica o rara, oppure se si è in stato di gravidanza e in altri casi particolari (diagnosi precoce di tumori, accertamento dell’HIV).

Nei prossimi paragrafi entreremo nel vivo della questione, andando a vedere insieme quali sono le prestazioni sanitarie per le quali è prevista l’esenzione del ticket sanitario 2022.

Scopri la pagina dedicata all’invalidità civile e ai diritti e le agevolazioni collegati.

Ecco, intanto, una tabella introduttiva con tutte le categorie di contribuenti esentati dal pagamento del ticket sanitario 2022:

TICKET SANITARIO 2022: ESENTATI
Cittadini affetti da malattie croniche e rare
Esenzione per la diagnosi precoce dei tumori (non tutte le prestazioni sono gratuite)
Cittadini invalidi civili (da distinguere l’esonero totale e parziale)
Cittadini che rispettano requisiti reddituali legati all’età anagrafica e alla condizione sociale
Donne in stato di gravidanza
Cittadini guariti dal Covid-19 dopo ricovero in ospedale (previste visite gratuite dallo psicologo a chi è guarito dopo ricovero in terapia intensiva)
Ticket sanitario 2022: chi è esentato dal pagamento?

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Ticket sanitario 2022: esenzione per malattie croniche e rare

Abbiamo visto in precedenza che il ticket sanitario 2022 si paga su alcune prestazioni sanitarie. Tuttavia, in alcune situazioni, è prevista l’esenzione.

È il caso di chi è affetto da malattie croniche o rare. In queste situazioni si ha diritto all’esenzione del ticket sanitario per le prestazioni di specialistica ambulatoriale finalizzate al monitoraggio della malattia, alla prevenzione della stessa e ad evitare ulteriori aggravamenti.

Per richiedere l’esenzione del ticket 2022 è necessario inoltrare richiesta presso l’Asl di residenza, allegando il certificato medico che attesti la patologia di cui si soffre. Se la domanda dovesse essere accettata, spetta l’esenzione del ticket anche per i farmaci utilizzati in terapia.

L’esenzione spetta anche a chi soffre di malattie rare: sono gratuite le prestazioni sanitarie che servono a diagnosticare la malattia, a controllare eventuali cambiamenti e a prevenire eventuali peggioramenti.

Ticket sanitario 2022: esenzione diagnosi precoce tumori

Per ciò che riguarda la diagnosi precoce dei tumori, non tutte sono esentate dal pagamento del ticket sanitario 2022.

Questa spetta per determinate prestazioni, quali:

Ticket sanitario 2022: esenzione invalidi civili

L’esenzione del ticket sanitario 2022 spetta anche agli invalidi civili. Ecco chi ha diritto all’esenzione totale:

Invece, hanno diritto all’esenzione del ticket sanitario 2022 solo per le prestazioni specialistiche legate alla patologia invalidante:

L’eventuale certificato di esenzione dal ticket sanitario è rilasciato dall’Asl competente, previa presentazione dell’attestazione di riconoscimento da parte del richiedente.

Ticket sanitario 2022: esenzione per reddito

L’esenzione del ticket sanitario 2022 spetta anche ad alcune categorie di contribuenti, in base a età e reddito. Ogni codice è collegato alla descrizione dell’esenzione:

Questi codici sono validi fino al 31 marzo di ogni anno, ad eccezione dell’esenzione illimitata per gli ultra 65enni.

Anche in questo caso, per richiedere l’esenzione del ticket sanitario 2022 è necessario rivolgersi all’Asl di appartenenza, anche se in alcuni casi la richiesta può essere verificata direttamente dal medico curante tramite l’elenco della Tessera Sanitaria.

Alla richiesta vanno allegati la copia del documento di identità, l’autocertificazione con indicati i dati personali e il reddito complessivo del nucleo familiare riferito all’anno precedente. Se è un disoccupato a richiedere l’esenzione del ticket sanitario 2022, è necessario indicare il Centro per l’impiego dove si è iscritti.

Ticket sanitario 2022
Ticket sanitario 2022: quando non si paga?

Ticket sanitario 2022: esenzione gravidanza e Covid-19

Infine l’esenzione del ticket sanitario 2022 spetta alle donne in stato di gravidanza, per le visite sostenute prima del concepimento, volte a escludere la presenza di fattori di rischio che potrebbero incidere sulla gravidanza.

Dal 2022 è introdotto anche l’esenzione dal pagamento dei ticket ai soggetti guariti dal Covid-19 dopo un ricovero in ospedale. L’agevolazione spetta nel caso in cui il beneficiario deve sottoporsi a prestazioni sanitarie specifiche per verificare lo stato di salute dopo il ricovero e la guarigione dal Covid-19 (analisi del sangue, elettrocardiogramma, tac del torace, test del cammino, spirometria).

La frequenza è limitata a 3, 6, 12 o 24 mesi dopo la guarigione, in base alla richiesta effettuata. Inoltre è possibile effettuare visite psicologiche senza pagare, successivamente alla guarigione dal Covid-19, che ha reso necessario il ricovero in terapia intensiva.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1