Cultura

Tre giochi da tavola per soli adulti da regalare a Natale|VIDEO

Tre giochi a elevato contenuto erotico presentati da Eraldo Grimaldi di Pandora. Squillo, Drinkopoli e Orgasmo. Per serate bollenti e indimenticabili

0
2' di lettura

Tre giochi da tavola per soli adulti da regalare a Natale. Tre giochi ad alto contenuto erotico da giocare solo se avete compiuto i diciott’anni. Anche se la maggiore età non vi eviterà incidenti di percorso e imprevisti piccanti o, e capita spesso con giochi così, decisamente imbarazzanti. The Wam ha raggiunto Eraldo Grimaldi nel suo negozio fantasy di Pandora a via Nappi, Avellino. E si è fatta spiegare cosa sono questi giochi tabù (A inizio e fine articolo la video-presentazione di Eraldo, riprese e montaggio di Andrea Fantucchio e Luciano Trapanese) Scopriamo i giochi da tavola per soli adulti:

 Drinkopoli: il gioco di bevute più famoso al mondo. Mentre attraversate le 44 caselle dovrete fermarvi in pub e bar, dove sorseggiare long drink e shottini. Di qui il sottotitolo molto emblematico: il gioco che vi annebbia i ricordi. Spesso, sarà un bene. No, non è uno scherzo. Per vincere dovrete, nel migliore dei casi, alzare un pò il gomito. Nel peggiore? Giocateci e capirete. 

 Squillo: è il gioco dedicato agli aspiranti papponi. Caratterizzato da un registro ultravolgare e da maledizioni che possono trasformare le vostre squillo in ninfomani assatanate. Oltre a proteggere le vostre ragazze da avversari pronti a commettere ogni scorrettezza per arricchirsi, dovrete uccidere le prostitute e i trans degli altri giocatori. Ad aiutarvi i poteri speciali di ogni personaggio e le abilità del pappone che impersonificherete. Squillo ha decine di espansioni con relative ambientazioni e protagonsiti, ma la versione base resta la migliore.

Orgasmo: Presentato da sua maestà Rocco Siffredi e già questo è tutto un programma. Il gioco si concentra in un mazzo di carte divise per prestazioni e imprevisti davvero curiosi. Ogni carta è numerata e, per raggiungere un orgasmo, è necessario collezionarle dal numero 1 al 10. Lo scopo, però, è farlo raggiungere agli altri e resistere fino alla fine. 

Serial killer e droga degli elfi: vi racconto la mia Barcelona

Articolo precedente

Così la mia canzone sarà colonna sonora sugli aerei italiani

Articolo successivo

Commenti

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe piacerti anche