Vaccinazioni senza limiti di età: si parte dal 3 giugno

Vaccinazioni senza limiti di età in Italia: si parte dal prossimo 3 giugno con una accelerata notevole per la campagna vaccinale. Somministrazioni anche nelle aziende. Si attende il via libera dell'Aifa per la vaccinazione degli under 12. Resta il nodo dei 60enni, un milione non si è prenotato per la vaccinazione. In dirittura d'arrivo quella per i fragili. Zona bianca alle porte.

4' di lettura

Dal 3 giugno si accelera in modo definitivo, partono le vaccinazioni senza limiti di età e nelle aziende. In linea con il programma stabilito dal commissario Figliuolo che aveva previsto, dall’inizio del prossimo mese, una intensificazione delle somministrazioni, fino a raggiungere il milione di vaccinati ogni 24 ore.

Le vaccinazioni senza limiti di età saranno possibili perché stanno arrivando in Italia milioni di dosi. Ma non solo: l’immunizzazione dei fragili ha raggiunto percentuali molto alte. Resta da completare la fascia 60-69 anni. Mancano all’appello più di due milioni di cittadini di quell’età. Troppi.

Vaccinazioni senza limiti di età

Come funzionerà? Semplice, le prenotazioni sulle piattaforme regionali da giovedì non avranno più criteri anagrafici. Ossia: non c’è più bisogno di avere una determinata età per prenotare. Potranno farlo tutti.

Potrebbero essere coinvolti anche i ragazzi fino ai 12 anni, ai quali saranno somministrate le dosi di Pfizer. L’Ema ha già detto sì, manca l’approvazione dell’Aifa che dovrebbe arrivare nei prossimi giorni.

A giugno 20 milioni di dosi

Come annunciato da tempo a giugno arriveranno 20 milioni di dosi di vaccino. Non ci saranno quindi problemi di approvvigionamento. Anzi, il punto sarà al contrario riuscire a somministrare tutte le dosi che arrivano senza lasciarle giacere nei frigoriferi.

Farmacie e 732 hub aziendali

Per farlo, oltre alle farmacie che hanno aderito, saranno aperti altri 732 hub aziendali.

Le industrie saranno rifornite dall’Asl. Ma si sta ancora lavorando per disporre la distribuzione.

Proprio la distribuzione, con l’aumento esponenziale dei punti di vaccinazione, potrebbe diventare nei prossimi giorni uno dei punti caldi della questione organizzativa. Ma come al solito, dopo inevitabili scompensi iniziali la macchina dovrebbe iniziare a girare a pieno regime.

Le aziende coinvolte dovranno tutte avere un medico aziendale, sarà lui a gestire l’assistenza sanitaria.

E le piccole imprese? Coinvolte anche loro, ma con l’assistenza dei laboratori dell’Inail.

Insomma giugno si preannuncia il mese della massima immunizzazione in Italia. L’obiettivo finale, lo saprete, è arrivare a settembre con più del 70% degli italiani vaccinati, compresi i ragazzi, per una ripartenza definitiva del Paese. A partire dalla scuola, per continuare con tutte le attività economiche.

Un milione di 60enne senza prenotazione

Ma prima resta il nodo dei 60enni. L’adesione alla campagna vaccinale è stata al di sotto delle attese. A oggi hanno ricevuto una sola dose il 68.18% dei cittadini compresi in questa fascia di età.

La questione vera che almeno un milione non si è neppure prenotato.

Rischiano di rimanere senza protezione dal covid.

Ma mentre per la fascia più anziana, tra 70 e 80, la mancata prenotazione alla vaccinazione poteva in parte essere giustificata da problemi legati a una non adeguata conoscenza di tecnologie digitali (il minimo per prenotarsi), per chi ha tra 60 e 70 anni, questa motivazione viene esclusa.

Sarebbe un paradosso: si apre alla vaccinazione senza limiti di età ma un numero ancora importante di italiani che sono esposti al rischio di covid grave non hanno fatto il vaccino o non hanno nessuna intenzione di farlo.

Ora i 50enni, poi i 40enne

In questi giorni le vaccinazioni stanno riguardando gli italiani tra 50 e 59 anni (ieri 151mila somministrazioni), poi sarà il turno dei 40enni.

Subito dopo vaccinazioni senza limiti di età, e in quel momento l’accelerazione dovrebbe essere importante, definitiva.

Contagi, numeri in calo

I numeri in discesa dell’indice Rt e dei contagi sono diretta conseguenza anche dell’immunizzazione di fasce sempre più estese di cittadini. Ora l’indice è a 0,72. Ed entro la fine di giugno quasi tutta l’Italia dovrebbe trovarsi in zona bianca, senza quasi restrizioni.

Arriva la zona bianca

Da lunedì saranno in zona bianca Molise, Friuli Venezia Giulia e Sardegna. Dal 14 giugno si aggiungeranno anche Lazio e Lombardia.

Fatta eccezione per qualche protocollo da rispettare e l’obbligo delle mascherine (sul quale pure si sta discutendo: potrebbero essere obbligatorie solo al chiuso e dove ci sono assembramenti), le restrizioni dovrebbero essere annullate. Non un liberi tutti, ma quasi.

Solo per le discoteche al momento non è prevista nessuna data per una possibile ripresa.

Come sapete in fascia bianca non è previsto il coprifuoco.

Ma nel frattempo, avanti anche con le vaccinazioni senza limiti di età.

WhatsApp

https://thewam.net/redirect-lavoro.html

Facebook

Pagina > https://www.facebook.com/thewam.net/

Bonus > https://www.facebook.com/groups/bonuslavorothewam/

Lavoro > https://www.facebook.com/groups/offertedilavoroeconcorsi/

Pensioni/Invalidità > https://www.facebook.com/groups/pensioninewsthewam/

Assegno Unico > https://www.facebook.com/groups/assegnounicofigli/

Serie TV e Cinema > https://www.facebook.com/groups/CinemaeSerieTvthewam/

YouTube

https://www.youtube.com/c/RedazioneTheWam

Telegram

https://t.me/bonuselavorothewam

Instagram

https://www.instagram.com/thewam_net

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie