Vaccini, che caos: altri tagli. C’è anche una buona notizia

Vaccini: mentre Astrazeneca annuncia il taglio del 50% delle forniture per il secondo trimestre, dalla Scozia arriva la notizia che i vaccini funzionano e bene. L'80% degli anziani vaccinati, anche in presenza di altri gravi patologia, non ha più bisogno di essere ricoverato se infettato. Ma in Italia resta la carenza dei vaccini a rallentare la campagna. Che gioco fanno le compagnie farmaceutiche?

3' di lettura

Sul fronte vaccini anti coronavirus c’è una notizia buona e un’altra molto meno. La prima arriva dalla Scozia: l’impatto dei vaccini sulla diffusione del contagio è stato definito «spettacolare». Riduce il numero degli infetti e abbatte di conseguenza quello dei ricoveri e dei decessi. Variante o non variante.

Astrazeneca dimezza ancora le forniture

La brutta notizia arriva invece da Astrazeneca: il colosso farmaceutico anglosvedese che produce uno dei tre vaccini autorizzati in Europa invierà nel secondo trimestre del 2021 90 milioni di dosi invece delle 180 promesse. Un taglio drastico, il 50%. Un altro colpo basso: quel vaccino è stato realizzato anche grazie ai fondi dell’Ue, con la promessa, non mantenuta, di assicurare quelle forniture. In Italia quel taglio si traduce così: tra aprile e giugno si aspettavano almeno 20 milioni di dosi, ne arriveranno dieci.

Bonaccini: battere i pugni sul tavolo

Dimezzare le aspettative, dimezzare il numero di persone immunizzate. E c’è anche di peggio: nello stesso periodo Astrazeneca fornirà alla Gran Bretagna le dosi che erano state richieste, ovvero: nessun taglio. Come ha dichiarato ieri Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia Romagna, «c’è da andare a battere i pugni sul tavolo».

Tante Regioni pronte a vaccinare più di un milione di cittadini al mese

Anche perché la stessa Emilia Romagna, la Lombardia, la Campania, il Piemonte e il Veneto hanno assicurato, per bocca dei rispettivi governatori, di essere in grado di vaccinare più di un milione di persone al mese. Una cifra enorme, se fosse vera l’obiettivo di avere un’Italia immune al coronavirus entro l’autunno sarebbe ancora possibile. Varianti o non varianti. Ma manca la materia prima. E arriva con numeri a sorpresa, il che rende assai complicato organizzare una adeguata campagna di vaccinazione che prevede due inoculazioni (e se la seconda non arriva nei 21 giorni?).

Ma vaccinare il più possibile è l’unica strada per uscire in tempi rapidi dall’emergenza sanitaria.

Gli effetti dei vaccini in Scozia

Torniamo alla Scozia e agli studi effettuati dall’Università di Edimburgo sull’impatto dei vaccini nella diffusione del contagio. Ricerche che si basano su numeri reali, quelli delle persone che hanno già ricevuto la prima o la seconda dose.

Leggi anche: Nuovo Dpcm. Rischio contagio troppo alto, non si riapre

Leggi anche: Vaccini coronavirus, ecco tutti gli effetti collaterali

Sulle persone con più di 80 anni, quelle più a rischio in caso di infezione, la somministrazione dei vaccini ha ridotto dell’84% il rischio di andare in ospedale con l’infezione da coronavirus. Anche se hanno altre e gravi patologie.

Lo studio ha analizzato i dati dell’intera popolazione scozzese (5.4 milioni di abitanti). Sono state analizzate, settimana per settimana, le vaccinazioni eseguite, i ricoveri in ospedale e la mortalità da coronavirus (anche come concausa), e il risultato dei tamponi.

E quindi, i vaccini funzionano. Un motivo in più per pretendere dalle aziende il rispetto dei patti.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie