Vaccini mRNA. Cosa sappiamo di questo “ingrediente speciale”

Una nuova tecnologia innovativa usata da Pfizer e BioNtech per il vaccino per il Coronavirus sfrutta l'mRNA. Un "Messaggero" di informazioni cruciale.

Vaccini mRNA. Cosa sappiamo di questo
Vaccini mRNA. Cosa sappiamo di questo "ingrediente speciale"
3' di lettura

I vaccini per il Coronavirus di Moderna e Pfizer si basano su una nuova tecnologia che sfrutta le potenzialità dell’mRNA. Una scoperta che promette grandi opportunità di sviluppo per la ricerca sui vaccini, anche per altre gravi patologie.

Londra approva il vaccino Pfizer

E’ accaduto ieri, 2 dicembre 2020, il Regno Unito ha confermato l‘approvazione per l’uso di emergenza del vaccino americano-tedesco, prodotto dall’azione combinata di Pfizer e BioNtech.

Ne ha parlato il Guardian. Con questa mossa, il Regno Unito è il primo tra i paesi occidentali ad aver approvato un vaccino per il Coronavirus. Con 40 milioni di dosi in arrivo nei prossimi mesi.

Un vaccino che garantisce un’efficacia che sfiora il 95%. Ma esattamente come funziona?

Cos’è l’mRNA?

Non solo Pfizer, anche Moderna ha basato il suo vaccino su questa tecnologia ultra-innovativa. Ne ha parlato Focus un articolo di divulgazione scientifica.

L’mRNARNA messaggero “è il materiale genetico che contiene le istruzioni per la sintesi di nuove proteine” per questo è responsabile del “trasporto di informazioni” necessarie alla formazione degli amminoacidi, i mattoncini di cui sono composte le proteine.

E il Coronavirus?

Il virus SARS-CoV-2, prosegue l’articolo, è composto da un “singolo filamento di RNA composto di 30.000 mattoncini e avvolto in un involucro di proteine. Quando infetta una cellula, la molecola di RNA viene liberata dall’involucro, e utilizza la macchina cellulare per fare copie di se stessa”.

Lo ha raccontato a focus.it, Giuseppe Novelli, professore di Genetica Umana all’Università di Roma Tor Vergata.

Come funziona il vaccino?

L’innovazione di questo vaccino a base di mRNA consiste nel fatto che non ha bisogno di “partire” da un altro virus, come nel caso del vaccino AstraZeneca/Oxford.

Al contrario, il vaccino contiene la “ricetta” per produrre le proteine che diffondono il Coronavirus nell’organismo. Una in particolare, la proteina spike, cioè “la chiave di ingresso nelle cellule”.

Questo vaccino contiene quindi mRNA portatore di informazioni sulla sintesi della proteina spike.

Qui viene il bello. Questa proteina, di cui l’mRNA permette la “produzione”, non è pericolosa, è innocua.

Ma riesce comunque a “mettere in allarme” il sistema immunitario, stimolando la produzione di anticorpi.

Una tecnologia che promette di rivoluzionare il mondo della ricerca sui vaccini. Moderna in particolare lavora da decenni per comprendere come sfruttare al meglio le potenzialità dell’mRNA anche per altre gravi patologie.

“Già prima della pandemia, la Moderna stava lavorando a vaccini a mRNA contro alcuni tipi di cancro: l’idea è quella di allenare il sistema immunitario a riconoscere le proteine specifiche prodotte da quel tumore e stimolare i linfociti T, che hanno il compito di uccidere le cellule infette o cancerose” (Focus)

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie