Vaccino Avellino, la rabbia dei vigili: noi dimenticati

La Polizia Municipale di Avellino protesta per la sua esclusione dalle categorie a rischio da dover vaccinare con priorità. Il comunicato del luogotenente, Michelina Spina.

2' di lettura

Il comando della Polizia Municipale di Avellino protesta contro l’inadeguatezza del Piano Vaccinale. A essere criticata è la scelta di escludere i vigili dalle categorie prioritarie da sottoporre a vaccino. Il messaggio è diretto anche al Prefetto, che in questo caso dovrebbe equiparare la Polizia Municipale alle altre Forze dell’Ordine (ammesse alla vaccinazione) visto l’impegno profuso nell’attività di di controllo e contrasto al Covid-19.

In un comunicato Michelina Spina, luogotenente della Polizia Municipale, ha esposto le preoccupazioni del corpo, ha precisato perché che le rimostranze sono fondate e ha anche lamentato il sottodimensionamento delle unità. Di seguito il comunicato di Spina:

«Dopo un anno di impegno contro la piaga del Covid-19 nessuno al comando di Polizia Municipale di Avellino è stato ancora vaccinato. È la situazione di emergenza che vive il corpo di polizia locale cittadino.

Fin dall’inizio della pandemia la polizia municipale è stata utilizzata per effettuare controlli a tutto campo; siamo stati utilizzati per la predisposizione e per la notifica delle ordinanze ai contagiati covid sottoposti a isolamento obbligatorio e/o fiduciario con consegna a mano presso LE LORO ABITAZIONI.

Adesso che è arrivato il momento delle vaccinazioni, non solo non siamo considerati, ovviamente, come una forza di polizia ma nemmeno come dei semplici impiegati amministrativi.

Alcuni appartenenti al corpo hanno addirittura contratto il Covid ( tre agenti in tutto ) e nonostante questo CHIEDIAMO esclusivamente sicurezza. Vaccinare il corpo della polizia municipale di Avellino è importante anche considerando il suo attuale sottodimensionamento, SIAMO SOLO 50 UNITA’, mancano circa 20 operatori a seguito di pensionamenti e mobilità negli ultimi anni, e mai reintegrati – Inoltre, anche la Campania è in zona rossa e la situazione è ad alto rischio. Sembra che nessuno si faccia portavoce di questo disagio.

Da tutte le parti ci viene predicata e richiesta la pazienza per una situazione che va oltre i confini regionali. Ci viene risposto da più parti:

“Ci stiamo battendo affinché tutte le categorie che hanno a che fare con il pubblico siano vaccinate al più presto; – Legittimo fra l’altro. Vogliamo pensare all’ufficio anagrafe, allo sportello ztl e tanti altri servizi amministrativi necessari al cittadino – Esiste un piano di vaccinazioni; Non possiamo che auspicare che la questione si risolva il più presto possibile; …”

Anche l’on. Sibilia ha dichiarato che entro oggi sarebbero state immunizzate tutte le 2021 unità irpine delle Forze dell’Ordine. Ovviamente, noi esclusi.

Ritengo che dobbiamo essere considerati pari in grado alle altre Forze dell’Ordine e anche il Prefetto dovrebbe pensare alla nostra tutela, avendoci coinvolto in prima persona in tutte le attività di controllo e contrasto al Covid-19 e avendo anche già provveduto a far vaccinare il personale civile della Prefettura (ivi compreso quello in smart working)».

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie