Vaccino coronavirus, ecco chi non potrà vaccinarsi

Il vaccino contro il coronavirus può essere somministrato quasi a tutti, ma ci sono anche persone per le quali è sconsigliata la vaccinazione, ecco quali. In alcuni casi la decisione, come vedrete, può essere controversa e in quel caso è necessario un confronto con il proprio medico di fiducia.

4' di lettura

Chi non potrà vaccinarsi. Il vaccino contro il coronavirus può essere usato da gran parte della popolazione senza avere problemi se non i consueti, lievi e ben noti effetti collaterali. Ma il vaccino è al momento precluso per altre persone che sono in condizioni particolari o hanno patologie che potrebbero innescare in presenza del vaccino delle reazioni che sono molto gravi.

In questi giorni si è fatta molta chiarezza su chi può fare il vaccino, con un invito costante da parte delle autorità di sottoporsi alle somministrazioni per assicurare una copertura sempre più adeguata contro la pandemia.

Ma c’è anche chi quel vaccino non potrà averlo (nessun tipo di vaccino). In questo articolo rispondiamo a questa domanda: chi non potrà vaccinarsi?

Le persone che soffrono di allergie potranno vaccinarsi contro il coronavirus?

Sì, ma le eccezioni sono due.

Non potrà vaccinarsi chi ha gravi reazioni allergiche (anafilassi), a uno qualsiasi dei componenti del vaccino contro il coronavirus.

Qui trovi notizie sul Covid, le vaccinazioni e le ordinanze

Non potranno vaccinarsi neppure le persone che manifestano una grave reazione allergica a qualsiasi vaccino o farmaco iniettabile (che sia intramuscolare o endovenoso). Queste persone dovranno consultare il proprio medico di famiglia e valutare insieme a lui tutti i rischi prima di ricevere il vaccino contro il coronavirus.

Tutte le altre persone con gravi reazioni allergiche a cibi, farmaci orali, lattice, animali domestici, insetti e fattori ambientali possono vaccinarsi.

La case farmaceutiche che producono i vaccini hanno disposto dei protocolli di sicurezza per rispondere a qualsiasi reazione avversa.

Se sono incinta o sto allattando?

Per le donne incinte le indicazioni al momento sono queste:

Le donne in gravidanza e in allattamento non sono state incluse nella sperimentazione dei vaccini Pfizer, Moderna e AstraZeneca, per cui non si dispongono dati di sicurezza ed efficacia su queste persone.

Per questo motivo alle donne in gravidanza e in allattamento non è raccomandata la vaccinazione contro il coronavirus.

La vaccinazione per le donne in gravidanza dovrebbe essere presa in considerazione solo se sono ad alto rischio di complicazioni gravi per l’infezione da coronavirus. Le donne in queste condizioni devono valutare, con i medici che le assistono, i potenziali benefici e i rischi e la scelta deve essere fatta caso per caso.

Se una donna vaccinata scopre di essere incinta?

In questo caso non c’è nulla che dovrebbe consigliare una interruzione di gravidanza. Se una donna scopre di essere incinta tra la prima e la seconda dose di vaccino può rimandare la somministrazione della seconda dose dopo la conclusione della gravidanza, fatta eccezione per le donne ad alto rischio.

Le donne che allattano possono vaccinarsi senza la necessità di interrompere l’allattamento.

Il vaccino è efficace nelle persone che hanno un sistema immunitario depresso?

Non sono ancora disponibili i dati specifici sull’efficacia e la sicurezza per le persone con immunosoppressione dovuta a farmaci o malattie croniche (come l’Aids). Le persone con condizioni autoimmuni o immunocompromesse non sono comunque escluse dal vaccino. Coloro che sono vaccinati dovrebbero essere informati sulla possibilità che le risposte immunitarie possano essere ridotte e sulla necessità di continuare a seguire tutte le linee guida attuali per proteggersi dal coronavirus.

I bambini possono vaccinarsi contro il coronavirus?

Non ancora. Nessun vaccino può essere somministrato sui bambini fino a quando non sarà testato su di loro. Gli attuali vaccini non sono mai stati provati su giovani che hanno meno di 16 anni.

Ho già avuto il Covid-19, devo vaccinarmi?

La risposta degli anticorpi che si sviluppano contro l’infezione da coronavirus è ancora in fase di studio. Per questo motivo anche coloro che hanno già avuto l’infezione possono e devono ricevere il vaccino contro il covid.

Mi è stato da poco diagnosticato il Covid-19, posso vaccinarmi?

Sì, perché la prima dose può essere somministrata quattro settimane dopo l’insorgenza dei sintomi o dopo un test positivo. La seconda dose potrebbe essere iniettata al termine dei periodo di isolamento.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie