Vaccino coronavirus, cambia tutto: il nuovo piano

Vaccino coronavirus, cambia tutto: il ministero della Salute e l'Istituto Superiore della Sanità hanno rimodulato la campagna vaccinale dopo i ritardi nelle consegne. Si procede in sei tappe e l'età, oltre alla situazione clinica, sarà determinante. Si prevede di immunizzare il 90% degli italiani entro la fine dell'anno, ma solo se tutto procederà senza intoppi.

Vaccino coronavirus, cambia tutto: il nuovo piano
Vaccino coronavirus, cambia tutto: il ministero della Salute e l'Istituto Superiore della Sanità hanno rimodulato la campagna vaccinale dopo i ritardi nelle consegne.
3' di lettura

Vaccino contro il coronavirus, il piano è stato rimodulato. Si procederà anche per età e non solo categorie. I ritardi nelle consegne del vaccino da parte delle case farmaceutiche e l’obbligo di somministrare il prodotto di Astrazeneca solo agli under 55, ha reso necessario una modifica sostanziale della campagna di vaccinazione.

Come sapete sono stati vaccinati per prima i medici, gli infermieri e gli ospiti e il personale delle Rsa, le residenze per anziani. Ora sta partendo la somministrazione del vaccino per gli ultra 80enni.

Ovvero: le persone più esposte e quelle più fragili.

Vaccino a chi opera nei servizi essenziali

Ma ora, come continuare? Il vecchio piano non è più percorribile. I target cambiano, come ha spiegato in un documento circolato ieri il ministero della Salute e l’Istituto Superiore di Sanità.

Il vaccino Astreazeneca, sarà riservato al personale scolastico e universitario, alle forze armate e di polizia, alle carceri, ai dipendenti di servizi pubblici essenziali. Naturalmente solo a chi ha meno di 55 anni.

Le sei tappe

Gli altri prodotti, al momento Pfizer e Moderna, saranno invece somministrati in sei tappe, e si procederà per età e per condizioni di salute. Sarà necessario un gran lavoro a monte per suddividere le categorie. E questo tocca alle Regioni.

Leggi anche: i contagi ieri in Italia

Estremamente vulnerabili

La prima tappa prevede la somministrazione del vaccino alle persone estremamente vulnerabili, si tratta di due milioni di italiani. Rientrano in dodici «aree di patologia», che vanno dalle persone in dialisi ai Down.

Si procede per età

Seconda tappa. Persone comprese tra i 75 e i 79 anni (2.6 milioni).

Terza tappa. Persone tra i 70 e i 74 anni (3.3 milioni)

Quarta tappa. Persone tra i 16 e i 69 anni «con un aumentato rischio clinico se infettate dal coronavirus». Una fascia di popolazione che comprende 5.8 milioni di cittadini italiani. Anche in questo caso sono state suddivise dodici aree di patologia, che sono in parte sovrapponibili a quelle prevista nella tappa precedente.

Quinta tappa. Avranno il vaccino le persone tra i 55 e i 69 anni, in tutto 12 milioni.

Sesta tappa. Gli ultimi a ricevere il vaccino saranno le persone tra i 16 e i 54 anni, ovvero quella fascia di età che in assenza di altre patologie è meno esposto ai rischi connessi all’infezione da coronavirus. E sono 29 milioni di cittadini.

Si finisce entro l’anno, ma tempi incerti

Non sono stati indicati con precisioni i tempi. È ancora tutto troppo incerto, dipende dai dalle autorizzazioni rilasciate dalle agenzie regolatorie (Ema e Aifa), anche per altri vaccini (in particolare Johnson & Johnson, che prevede una sola iniezione, e dalla disponibilità di dosi di vaccino, che come abbiamo visto in questi primi mesi è tutt’altro che regolare.

Se tutto va bene, con il nuovo piano, entro la fine dell’anno il 90% della popolazione dovrebbe essere immunizzata. Se ci sono dei problemi (nella produzione dei prodotti), o se nel frattempo dovesse arrivare una mutazione che rende molto meno efficace il vaccino, quella data si sposterà più avanti.

Di certo dopo la quarta tappa la popolazione più esposta o maggiormente a rischio dovrebbe essere stata immunizzata, o comunque avere gli anticorpi necessari per contrastare senza gravi conseguenze una eventuale infezione, con una notevole riduzione – si spera – dei ricoveri ospedalieri e dei decessi.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie