Qual è il vaccino migliore contro il covid?

Qual è il vaccino migliore contro il covid? È una delle domande più ricorrenti di questo periodo, siamo andati a vedere le caratteristiche dei vaccini in circolazione. Ci sono quelli già in somministrazione e quelli che potrebbero arrivarci presto. Hanno caratteristiche ed effetti collaterali diversi. E non tutti si comportano allo stesso modo con le varianti. Vediamo insieme.

Qual è il vaccino migliore contro il covid?
Qual è il vaccino migliore contro il covid? È una delle domande più ricorrenti di questo periodo, siamo andati a vedere le caratteristiche dei vaccini in circolazione.
7' di lettura

Quale è il vaccino migliore contro il covid? La domanda è ricorrente, in Italia ne sono stati approvati 4, potrebbero arrivare a breve sul mercato. Anche altri prodotti. Questi vaccini hanno caratteristiche diverse, diversi effetti collaterali, diverso grado di efficienza. Qualcuno è più efficace dopo la prima dose, altri dopo la seconda. Un altro è monodose. Un altro ancora è in polvere. Tutti figli di una ricerca lampo, mai così veloce per trovare un vaccino. Ora che è iniziata la somministrazione di massa (o che sta per iniziare), la domanda è lecita: qual è il vaccino migliore contro il covid?

Vi proponiamo una panoramica sui vaccini in commercio e anche su quelli che presto potrebbero essere autorizzati dall’Ema e dall’Aifa.

Pfizer/Biontech (Bnt 162)

Questo vaccino è stato realizzato dall’azienda biotecnologica tedesca BionNTech e dal colosso americano della Pfizer (lo stesso, per capirci, che produce il Viagra). I risultati di fase 3 sono stati annunciati il 18 novembre e ai test hanno preso parte 43mila persone: metà ha assunto il vaccino, l’altra metà un placebo.

Bnt 162 è un vaccino genetico. Un minuscolo pezzo di informazione genetica, il cosiddetto RNA messaggero (mRNA) è racchiuso in nanoparticelle che vengono incalanate nelle cellule muscolari. Da lì l’RNA produce la proteina spike che viene individuata dalle cellule vaccinate e riconosciuta ostile dal sistema immunitario. In questo modo si formano anticorpi e cellule T che si mettono in funzione quando c’è una vera infezione da Sars-CoV-2.

Qui puoi trovare notizie su Covid, vaccinazioni e ordinanze4

Per gli scienziati il rischio che l’RNA venga integrato in modo definitivo nelle informazioni genetiche del nucleo cellulare è estremamente basso. Prossimo allo zero.

L’efficacia è calcolata al 95%. Scende al 94% per i partecipanti con una età superiore ai 65 anni.

Effetti collaterali

  • Comuni: dolore al braccio dopo l’iniezione
  • Gravi effetti collaterali
  • Stanchezza dopo la seconda iniezione: 59%
  • Mal di testa: 52%
  • Febbre a 38 gradi: 16%
  • Oltre 38.9%: 0.8%

Il Bnt162 viene iniettato in due dosi a 28 giorni di distanza una dall’altra.

Questo vaccino deve essere conservato a meno 70 gradi. Non c’è al momento nessuna esperienza con i vaccini a RNA, gli effetti collaterali che non sono ancora noti possono teoricamente presentarsi anche in un secondo momento. Ma l’esperienza accumulata in questi mesi sembra escludere la possibilità.

Moderna (MRNA-1273)

Anche l’azienda statunitense Moderna ha puntato su un vaccino genetico. Il suo prodotto, Mrna-1273), ha un principio molto simile a quello del vaccino Pfizer.

Hanno partecipato alla sperimentazione 30mila persone. Metà ha ricevuto il vaccino, l’altra metà un placebo.

L’efficacia è al 94.1%.

Effetti collaterali comuni:

  • dolori al braccio dopo l’iniezione
  • stanchezza
  • dolori articolari
  • mal di testa

La maggior parte delle reazioni si è verificata dopo la seconda iniezione.

Effetti collaterali gravi:

febbre 38.9 gradi (che svanisce dopo 12 ore)

Questo vaccino è risultato efficace anche contro la mutazione inglese e quella sudafricana.

AstraZeneca (Azd 1222)

Questo vaccino si basa su un vettore. Le istruzioni genetiche per la proteina spike del coronavirus sono incorporate in un virus modificato del raffreddore, più precisamente è un adenovirus dello scimpanzé (ChAsOx1).

Questo vaccino è molto più semplice da gestire perché si può conservare a normali temperature di frigo. Sembra adatto alla distribuzione in luoghi del pianeta con poche strutture e scarsi collegamenti. L’azienda punta a produrne tre miliardi.

In Scozia, dopo milioni di somministrazioni, il vaccino ha ridotto il rischio di covid grave nel 94% degli anziani.

Effetti collaterali

  • Affaticamento: 70%
  • Mal di testa: 68%
  • Dolori muscolari: 60%
  • Malessere: 61%
  • Freddo e brividi: 56%
  • Febbre 38 gradi: 18%
  • Febbre oltre 39 gradi: 2%

La correlazione tra il vaccino e le trombosi è in fase di studio.

Mutazioni

Il vaccino di AstraZeneca è poco efficace contro la mutazione sudafricana.

Vaccino Johnson&Johnson (AD26.COV2.S di Jansen)

Il vaccino prodotto dalla Johnson&Johnson sarà distribuito dal 15 aprile anche in Italia. Come AstraZeneca è considerato un vaccino vettore, basato su un virus del raffreddore che è stato geneticamente modificato. Anche in questo caso è un adenovirus.

Può essere conservato a temperature da frigo e si differenzia dagli altri perché efficace con una sola dose.

Hanno partecipato alla sperimentazione 43.783 persone. La protezione del coronavirus è al 66%. La difesa dal virus aumenta con il passare del tempo: inizia 14 giorni dopo la somministrazione.

Sembra più efficace di altri prodotti contro la variante sudafricana.

Effetti collaterali

Comuni:

  • stanchezza
  • mal di testa
  • dolore al corpo
  • dolore al braccio
  • febbre

Dati più precisi si avranno solo dopo l’inizio delle somministrazioni di massa.

Sputnik V

Il vaccino russo Sputnik, comne AstraZeneca e Johnson, è a base di vettore. In questo caso due diversi adenovirus modificati. A differenza dei vaccini a RNA, le informazioni per la proteina spike vengono convogliate nelle cellule tramite il virus del vaccino e non direttamente.

Sono stati utilizzati due virus diversi per impedire in modo sicuro al sistema immunitario di intercettare i virus del vaccino della seconda dose.

Hanno partecipato ai test più di 18mila persone.

Non ci sono ancora dati dettagliati.

Effetti collaterali

Non sono stati quantificati, soprattutto dolore al braccio, mal di testa e febbre da vaccinazione.

Altri vaccini

Potrebbero essere presto immessi sul mercato anche altri vaccini:

Novovax (Nvx-Cov2373)

Questo vaccino usa proteine artificiali geneticamente modificate e che sono molto simili al coronavirus. Provocano la risposta immunitaria alla proteina spike e quindi l’effetto protettivo. Ha bisogno di due somministrazioni a distanza di 21 giorni.

L’effetto protettivo è dell’89%.

Questo vaccino ha una efficacia ridotta del 10 per cento contro la variante inglese e del 49 contro quella sudafricana. Si conserva a temperature da frigo.

Effetti collaterali indesiderati: i più comuni sono simili a quelli degli altri vaccini.

Vero di Sinopharm

Questo vaccino usa un metodo più tradizionale: i coronavirus vengono propagati in colture cellulari, ripuliti e castrati chimicamente, in modo che non siano in grado di moltiplicarsi. Il vantaggio di questo processo è che la reazione immunitaria inizia più velocemente. Ma c’è anche il pericolo che si formino pochi anticorpi.

Sinopharm ha comunque dichiarato che l’efficacia del vaccino (ai test hanno partecipato 60mila persone), è dell’86%.

Conclusione

Questa è la panoramica sui prodotti che sono già in somministrazione o potrebbero arrivarci presto. Sono quelli dove c’è una discreta base di dati. Stabilire qual è il vaccino migliore contro il covid non è semplice. Ci sono quelli più innovativi (Pfizer e Moderna), che sembrano dare buoni risultati anche contro le mutazioni, c’è AstraZeneca, che ha una sua efficacia anche dopo la prima dose (ma è meno efficiente contro le varianti), e Johnson e Johnson che ha il vantaggio di essere monodose. Su Sputnik V mancano dati sufficienti, ma ha un principio simile agli ultimi due.

In teoria tutti questi vaccini offrono una buona protezione contro il coronavirus e sono sicuri. Su qual è il vaccino migliore contro il covid lo dirà solo il tempo, ma c’è anche un altro aspetto da tenere in considerazione: il prodotto più efficace sarà quello che meglio di altri riuscirà a contrastare le mutazioni del coronavirus, quelle che già ci sono e quelle che inevitabilmente arriveranno.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie