Variante indiana, casi in Italia. Allerta altissima

La variante indiana del coronavirus, che sta causando una ecatombe in India, è stata identificata in 23 passeggeri atterrati a Roma e provenienti da New Delhi. Sono tutti in isolamento. La preoccupazione è per gli sbarchi che sono avvenuti in aprile, ma anche sui falsi certificati di negatività al tampone che sono in vendita sul mercato indiano.

3' di lettura

La variante indiana del coronavirus non può che destare preoccupazione, anche in Italia. Soprattutto se le ricerche dovessero confermare una ipotesi: la doppia mutazione riscontrata nel Pese dell’Estremo Oriente avrebbe la capacità di opporre una maggiore resistenza alla risposta immunitaria innescata dai vaccini.

L’aereo con 23 contagiati

Della variante indiana si sono registrati già alcuni casi anche nella Penisola. La situazione sulla quale al momento è puntata maggiore attenzione è quella di Roma. Nei giorni scorsi è atterrato a Fiumicino un aereo proveniente da New Delhi, la capitale indiana.

Ventitré persone, compreso il comandante, sono risultate infette dal covid. Ci sono pochi dubbi sulla presenza della variante indiana, ma la conferma arriverà solo oggi, quando saranno resi noti i risultati dei sequenziamenti (la tecnica utilizzata per individuare le eventuali mutazioni).

Al momento almeno uno di questi casi è di certo legato alla variante indiana.

Dramma indiano

In India la diffusione del covid è diventata drammatica nelle ultime settimane: 400mila contagi e più di 3.000 morti al giorno, con stime che ritengono quelle cifre quattro, cinque volte inferiori a quelle reali. In molti ospedali l’ossigeno è finito, le conseguenze sono tragiche.

Vaccinazioni, quando sarà il mio turno?

Vaccino, ecco perché la seconda dose è necessaria

In India le varianti più diffuse sono quella inglese e quella indiana. La prima può essere affrontata con i vaccini, sulla seconda c’è qualche dubbio. Di certo entrambe le mutazioni sono molto più contagiose e stanno colpendo anche fasce di popolazione più giovane.

Falsi certificati di negatività al covid

Sono due le cose che stanno preoccupando per la questione dell’aereo atterrato dall’India:

  • l’alta percentuale di infetti a bordo, il 9% dei viaggiatori
  • l’ammissione da parte di molti viaggiatori di aver acquistato falsi certificati di negatività al covid prima dell’imbarco.

È soprattutto il secondo aspetto a preoccupare: quante persone sono partite dall’India con quella documentazione falsa? E nel caso, quanti di loro avevano in corso una infezione, anche asintomatica?

Possono rientrare solo i cittadini italiani

Nei giorni scorsi il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato due ordinanze che bloccano gli arrivi dall’India in Italia. La prima ha consentito il rientro a chi ha la residenza nel nostro Paese.

La seconda è stata ancora più stringente: possono rientrare solo i cittadini italiani.

Nei prossimi giorni sono in arrivo altri aerei dall’India. Verrà adottata la stessa procedura: controlli, tamponi ed eventuali immediati ricoveri anche in covid hotel.

Qui trovi tutte le notizie sul covid, le vaccinazioni, le ordinanze e i decreti

Il problema riguarda chi è atterrato nei giorni precedenti. È stato lanciato un appello, quello di mettersi in isolamento domiciliare. Ma si può solo sperare nel senso dei responsabilità dei singoli cittadini.

L’allerta resta comunque molto alta.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie