Variante inglese: aumenta il contagio tra ragazzi e bambini

Variante inglese: la maggiore contagiosità della mutazione rispetto al ceppo precedente ha fatto lievitare il contagio tra gli under 20 anche in Italia. La fascia con più casi è oggi quella tra i 14 e i 19 anni. Il 60% è sintomatico, ma la malattia è grave solo il casi molto rari.

3' di lettura

La variante inglese del coronavirus è più aggressiva sui bambini e i giovani rispetto al ceppo precedente. Anche per questo la chiusura delle scuole, o meglio, la ripresa delle lezioni in dad, è stata una decisione combattuta ma inevitabile.

La variante inglese è più contagiosa, anche del 60% rispetto alla versione precedente del coronavirus. «Ecco perché – ha dichiarato la virologa Antonella Viola a Il Messaggero – anche i bambini, che hanno meno recettori ACE2 rispetto agli adulti, si infettano di più. È possibile che poi il ruolo degli asintomatici sia diverso: adesso forse diventano più facilmente veicolo del virus. Chiariamo: non tutti gli asintomatici trasmettono l’infezione, solo quelli che hanno una carica virale abbastanza alta. Anche se, come detto, per la variante inglese il discorso è un po’ diverso. Sappiamo comunque che i soggetti più contagiosi sono i presintomatici, ovvero coloro che non hanno ancora sviluppato i sintomi».

Più aggressiva, ma rari i casi gravi tra giovani

La variante inglese è comunque più aggressiva per tutte le fasce d’età, non solo per bambini e ragazzi, come era stat invece ipotizzato dopo le prime settimane in Gran Bretagna.

Leggi anche: Zona rossa, se i dati peggiorano sarà come il lockdown

«Quello che cambia tra giovani e adulti – ha aggiunto la virologa – è il comportamento. I ragazzi stanno insieme, formano gruppi, fanno feste, quando e dove è possibile. A scuola è difficile tenerli separati per tutto il tempo, inclusi i momenti di entrata e uscita. Ecco perché ritengo che, vista la situazione attuale, sia giusto chiudere le scuole nelle regioni che vanno peggio, come la Lombardia. Oggi abbiamo di fronte un virus diverso da quello dello scorso anno. Gli adulti e gli anziani, forse perché più consapevoli dei rischi, stanno attenti a evitare occasioni di possibile contagio. Questo potrebbe essere uno dei motivi per cui la fascia degli under 20 negli ultimi mesi risulta la più colpita dall’infezione, oltre alle misure restrittive e alla percentuale di persone immuni, per aver avuto la malattia o perché vaccinate».

Le fasce di età più esposte al contagio

La diffusione della variante inglese tra ragazzi e giovanissimi non è una ipotesi, a confermarlo sono i numeri diffusi dall’Istituto Superiore della Sanità.

L’incidenza della pandemia tra gli under 20 ha infatti superato quello delle altre fasce d’età: 150 casi ogni 100mila abitanti, che restano comunque meno dei 300 registrati a novembre. La percentuale di giovani infettati si è mantenuta sempre più bassa rispetto a quella degli adulti. Fino a metà gennaio, quando quella degli under 20 ha iniziato a crescere in modo più evidente.

Ora la fascia di età con il numero più alto dei contagio è tra i 14 e i 19 anni (200 ogni 100mila abitanti). Un po’ più basso il valore tra gli 11 e i 13 e i 6 e i 10 anni. Tra gli under 5 è in media 110.

I primi risultati delle vaccinazioni

Resta però un dato: tra i giovani sono molto rari i casi gravi, mentre quelli con pochi sintomi o asintomatici sono circa il 60%. Dati che sono in linea con quelli del ceppo tradizionale del coronavirus. Ad aumentare dunque è stato solo il numero delle persone contagiate. Non c’è un aggravamento della patologia.

Comunque l’aumento dei contagi tra giovani e giovanissimi ha ridotto l’età media delle persone risultate positive (ora è di 44 anni). Il dato potrebbe essere anche legato alla campagna di vaccinazione sugli ultraottantenni e nelle residenze per anziani

Il decorso clinico della variante inglese è del tutto simile a quello precedente .

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie