0

C’è tempo

Regia di Walter Veltroni

Quand’è che si smette di essere bambini? È la domanda senza risposta che muove il film di Walter Veltroni. È un film di confronto tra due generazioni diverse di ambiti sociali diversi di due fratelli che si scoprono dopo tanto tempo.

Sembra esserci l’ispirazione da “Rain man”, ma non è né un film tributo, né un remake in chiave nostrana; è un film che ha una sua poetica ma non pretende di essere intellettuale. Si percepisce solamente il giusto rammarico che giovani e giovanissimi probabilmente non sapranno nemmeno per sentito dire chi fosse Truffaut, o in quale cinema di Rimini Fellini trascorresse il suo tempo da ragazzo. Non è una critica, ma piuttosto un invito fatto dal giovane protagonista per giovani spettatori a riscoprire il vero cinema italiano ed europeo. 

C'è tempo, l'omaggio di Veltroni al grande cinema
Veltroni non è un semplice regista, ma un vero cineasta. Un film poetico, senza la pretesa di essere intellettuale
Walter Veltroni

La vera critica, e forse nemmeno tanto velata, Veltroni la inserisce in un surreale dialogo tra Stefano e un direttore di banca che mortifica e offende la professione precaria e sognatrice del protagonista. 

leggi anche La Favorita, perché è un film da vedere: voti de Il Pungiglione

Omaggio a Bertolucci e Truffaut

È difficile infatti definire Veltroni semplicemente con la parola “regista”. Egli infatti dà ampia prova di essere un cineasta a tutto tondo e soprattutto un vero cinefilo. La storia del bambino protagonista si intreccia infatti con quella di Jean Pierre Leaud, che appare in filmati di repertorio e nel ruolo di sè stesso nel finale ambientato a Parigi. Ma la vita si intreccia e si identifica anche con altri film, e quindi oltre agli ampi omaggi alla Nouvelle Vague, i riferimenti marcati e funzionali alla trama si riscontrano con l’omaggio a “Novecento” di Bertolucci e a un’intervista con Ettore Scola e Marcello Mastroianni. Non è un “Rain man”, non è un “Hugo Cabret”, non è “I quattrocento colpi”, ma è una pellicola che omaggia il cinema nella sua storia, ad ogni modo ben strutturata; dove i destino dei due fratelli si intreccia con due quasi-omologhi al femminile.

C'è tempo, l'omaggio di Veltroni al grande cinema
Veltroni non è un semplice regista, ma un vero cineasta. Un film poetico, senza la pretesa di essere intellettuale
Veltroni tra i due protagonisti del film

Colonna sonora pop

Stefano Fresi dà poi anche un’ottima prova di cantante e pianista durante la scena di un concerto e la sua esibizione ben si colloca nella colonna sonora del film in chiave pop.

Leggi anche Domani è un altro giorno: emozioni prima del lungo viaggio

Come pop si potrebbe definire anche la scenografia, molto funzionale alla trama e al background dei personaggi, specie nelle prime sequenze: l’allestimento del set fa capire infatti a quale universo appartiene un personaggio senza dover dire troppo.

Leggi anche The Mule, quei 90enni corrieri dei narcos: attori ok, film lento

Oltre a quello di Leaud nel finale, c’è il divertente cameo del carabiniere Max Tortora. Da non prendere come una barzelletta filmata sui Carabinieri, piuttosto come mini-tutorial su come comportarsi se vi fermano i militi della Benemerita.

Regia 8

Sceneggiatura 8

Fotografia 8

Montaggio 7

Soundtrack 8

Scenografia 8

Costumi 7

Make-up 7

Simula una rapina per non dire ai genitori di aver perso l’Iphone

Previous article

Vertenza Aias, novità sugli stipendi: “Verranno versati così”

Next article

You may also like