Vino e vendemmia: si parte in Italia. I Francesi meglio di noi?

La vendemmia in Italia è iniziata. La Francia, secondo le stime, avrà dati più incoraggianti nel campo vitivinicolo rispetto al nostro paese.

Vino e vendemmia: si parte in Italia. I Francesi meglio di noi?
Vino: le prospettive per la vendemmia 2020 in Italia e all'estero. Bene Campania, Puglia, Sardegna e tutto il meridione del paese.


3' di lettura

Rieccoci a settembre con tante novità e nuove interessanti analisi nel mondo enologico, in quest’articolo infatti analizzerò le condizioni delle varie vendemmie italiane. Dopo il lock-down si immaginava che quest’anno il primato spettava alla Francia sarà così? Come si prospetta la vendemmia nel Sud Italia?

La vendemmia

È iniziata il 10 agosto la vendemmia 2020 in Italia con i primi grappoli raccolti in Franciacorta con le uve Chardonnay per la produzione di base spumanti, le prime ad essere raccolte come succede ormai da qualche anno.

Fra problemi legati ai lavoratori stagionali e le ombre del Covid-19 che hanno colpito duramente il settore vinicolo, secondo un’analisi di Coldiretti si stima la produzione di vino made in Italy attorno ai 45 milioni di ettolitri, in calo di circa il 5% rispetto allo scorso anno. Un dato che apre a una sfida all’ultimo acino con i cugini francesi per il primato mondiale della produzione.

I dati in Francia

In Francia i dati di produzione della vendemmia 2020 dovrebbero attestarsi 44,7 e 45,7 milioni di ettolitri secondo il Servizio statistica e previsioni del ministero dell’agricoltura d’Oltralpe, mentre in Spagna si stimano fra 43 e i 44 milioni di ettolitri.

Vendemmia dal punto di vista temporale praticamente in linea con quello degli ultimi anni, l’effetto dei cambiamenti climatici evidenziano però un anticipo di circa un mese rispetto a 30 anni fa. 

Le previsioni per l’Italia

Nonostante un meteo pazzo con caldo africano alternato a bombe d’acqua e grandinate, si prevede per l’Italia una annata di buona qualità, nonostante danni da grandine che hanno visto protagonisti i vigneti del nord e del centro Italia quali Sangiovese, Montepulciano, Nebbiolo.

Dal punto di vista economico si genera un fatturato di oltre 11 miliardi solo dalla vendita del vino e che da opportunità di lavoro nella filiera a 1,3 milioni di persone impegnate direttamente in vigne, cantine e nella distribuzione commerciale, sia per quelle impiegate in attività connesse e di servizio.

I dati del vino italiano vedono la produzione destinata per circa il 70% a vini Docg, Doc e Igt, con 332 vini a denominazione di origine controllata (Doc), 73 vini a denominazione di origine controllata e garantita (Docg), e 118 vini a indicazione geografica tipica (Igt) riconosciuti in Italia e il restante 30 per cento per i vini da tavola.

Sul territorio nazionale – precisa Coldiretti – ci sono 567 varietà iscritte al registro viti contro le 278 dei cugini francesi a dimostrazione del ricco patrimonio di biodiversità su cui può contare l’Italia che vanta lungo tutta la Penisola la possibilità di offrire vini locali di altissima qualità grazie ad una tradizione millenaria.

Obiettivi in Campania, Puglia e Sardegna

Riguardo alla nostra amata Campania che conta circa 778mila ettolitri prodotti nel 2019, una presenza sul territorio di circa 200 cantine, più di mille viticoltori, l’obiettivo di questa imminente vendemmia è di dare ancora più valore alla nostra uva, preservando così il lavoro dei preziosi viticoltori locali. Nel Sannio invece si prospettano numeri in linea col 2019, registrando un aumento delle superfici vitate a giugno.

Anche in Puglia e Sardegna la vendemmia promette bene, nonostante le intemperanze climatiche e la crisi da Covid-19. Ed è l’occasione per fare il punto sulle strategie di rilancio del settore vino, che quest’anno sarà di ottima qualità e con limature sui quantitativi rispetto al 2019 contenute in Puglia, mentre in Sardegna si marcia verso una vendemmia che sarà quantitativamente superiore alle ultime quattro.

Con la corsa alla raccolta dei grappoli di uve di Negroamaro per le basi spumante, è partita con circa sette giorni di ritardo la vendemmia 2020 in Puglia, che si stima porterà in bottiglia “10 milioni di ettolitri di vino, con qualità eccellente e quantità inferiori di circa il 5% rispetto all’anno scorso” sottolineano da Coldiretti Puglia.

In Sardegna il settore conta circa 38mila aziende agricole, la superficie vitata è di oltre 27mila ettari ed il fatturato si aggira intorno ai 150milioni di euro. L’Isola conta 18 vini marchiati Doc, 15 Igt ed una sola Docg. In conclusione in tutto il Sud Italia ci sono buoni propositi e già c’è lo confermano i primi campionamenti.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Entra in WhatsApp e ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Bandi, Bonus e Lavoro

  2. News dall'Italia e dal mondo

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie