Versi in rivolta: la pandemia non ferma la poesia

Versi in rivolta, che porta la poesia per le strade e per le piazze, si sposta online viste le restrizioni legate al Coronavirus, ma non rinuncia al suo obiettivo di diffondere la poesia.

Versi in rivolta
Versi in rivolta
3' di lettura

Versi in rivolta porta la poesia per le strade e per le piazze. Questa l’idea delle “Tre Francesca”, quella di affrancare la poesia dalla pagina stampata e dalla nicchia in cui è stata relegata, per trasformala in un dispositivo di uso quotidiano.

L’evento è aperto a tutti e si svolgerà in modalità online su Messenger Rooms DOMENICA 15 NOVEMBRE dalle 18:00 alle 20:00.

Ma conosciamo un po’ meglio le promotrici dell’evento.

Francesca De Michele. Nata in terra irpina il 1981.

Studiosa della contro cultura americana e della beat generation.

Attualmente lavora su tre progetti: “ Io Sono Pensiero” (percorso poetico per l’ infanzia), “Assaggi di Poeti” con Anita Di Pietro (percorso poetico/gastronomico), “Urlo” con Francesca Mazzoni e Francesca L’Altrelli” (percoso beat letterario)

francesca de michele

Francesca L‘Altrelli, 24 anni, vive e lavora a Benevento. Ha pubblicato per la casa editrice Bookabook “Cronaca di giorni non esistiti” (2020 ) un testo di “narrativa poetica”. Studia presso il Davimus di Salerno. Si occupa anche di pittura.

Francesca L’Altrelli

Francesca Mazzoni vive a Benevento, psicologa e appassionata di poesia. Poesia performativa e spoken music. Dal 2019 porta avanti il progetto di poesia e musica “Catash” insieme al batterista Carlo Corso.

Francesca Mazzoni
Francesca Mazzoni

Quale è l’origine di “Versi in Rivolta”?

E’ nato con il nostro progetto “URLO” in fase di elaborazione (rallentato con il ritorno del virus) nella bottega del nostro amico liutaio Enrico Minicozzi e con il nostro amico musicista Corrado Ciervo. Urlo è il manifesto poetico della Beat scritto da Allen Ginsberg. L’idea è quella di ri/diffondere la poesia di strada per affrontare con il popolo il cambiamento sociale attraverso i Versi In Rivolta.

In cosa consiste il progetto?

“Versi in Rivolta vuole essere un vero e proprio Impegno Poetico. Vogliamo tappezzare corpi e menti di poesia, lasciare tracce di rivoluzione in essa, liberarla. Renderla un atto di Resistenza dell’anima a tutti gli effetti e con tutte le forze che l’arte possiede”.

Come sarà gestito l’evento , anche in relazione al lockdown?

“In tempi normali, in esterna con letture su testi riguardanti la Poesia come una Rivoluzione Intima Urlata al Caos, accompagnate da artisti di strada. In tempi pandemici, on line su Messenger Rooms”.

Qual è il messaggio che lanciate con Versi in Rivolta?

“Liberate la Poesia dagli attacchi di panico derivati dall’abuso di controllo sulla vita. Ne abbiamo una sola. Saremo contro sempre a chi ci obbliga alla Non Vita. Liberi O Morti. Liberate la Poesia o Muore”.

L’appuntamento è quindi per Domenica 15 Novembre su Messenger Rooms dalle 18 alle 20.Chiunque può leggere un testo proprio o altrui o magari fare un intervento.

Per info o prenotazioni, contattare Fran Allen Zimmerman o Francesca Tiresia Mazzoni.

Le prenotazioni saranno accettate fino alle 14 di domenica. Per lasciare spazio a tutti ogni intervento durerà 5 minuti.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie