Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Lavoro domestico / Vertenza di badante e colf: quanto tempo ha il lavoratore?

Vertenza di badante e colf: quanto tempo ha il lavoratore?

Vertenza di badante e colf: come funziona la procedura ed entro quanto tempo si può presentare? Ne parliamo in questo approfondimento.

di The Wam

Marzo 2022

Vertenza di badante e colf: come funziona la procedura ed entro quanto tempo si può presentare? Vediamolo insieme in questo approfondimento (leggi su Telegram tutte le news sul lavoro domestico. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Come funziona la vertenza di badante e colf?

I collaboratori domestici, spesso, subiscono irregolarità di contratto nei rapporti di lavoro.

Non di rado, i datori di lavoro approfittano della scarsa informazione dei lavoratori riguardo ai loro diritti ed evitano il pagamento di stipendio, TFR, ratei ed arretrati, fino ad arrivare all’impiego in nero.

Se però i collaboratori domestici si rendono conto della gravità della situazione possono decidere di procedere con una vertenza di lavoro.

Ma come funziona una vertenza di badante e colf?

In sostanza, il lavoratore apre una contestazione contro il datore di lavoro alla presenza di un sindacato: il contenzioso si risolve se si trova un accordo. Se invece questo non accade, il lavoratore può decidere di rivolgersi all’autorità giudiziaria.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul lavoro domestico ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook.

Quanto tempo hanno badanti e colf per la vertenza

Se la badante non è stata assunta regolarmente, lavora in nero, non riceve stipendio o si presenta qualsiasi altra problematica, ha 5 anni di tempo da quando ha concluso il rapporto di lavoro per denunciare il datore di lavoro.

Il limite massimo non cambia se la conclusione del rapporto si è verificata per dimissioni volontarie e non per licenziamento.

In più, il termine per avviare la vertenza può essere anche superiore a 5 anni se, prima che si verifichi la scadenza, viene inviata dalla badante al datore una diffida, che farà ricominciare la decorrenza del termine.

Vertenza di badante e colf
Vertenza di badante e colf: quanto tempo ha il lavoratore?

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul lavoro domestico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp