Agricoltura: parte la “guerra” alla cimice asiatica. Ecco la vespa samurai

Inizia la guerra biologica contro la cimice asiatica. Arriva la vespa samurai nel nord Italia.



1' di lettura

Ok del governo per la campagna contro la cimice asiatica. In queste ore sta iniziando la sperimentazione della vespa samurai, principale predatore dell’insetto che distrugge frutteti e altre piante molto diffuse nel mondo agricolo italiano.

Inizia la sperimentazione

È iniziata in Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Veneto e nelle provincie autonome di Trento e Bolzano l’immissione in natura della vespa samurai. Si tratta di un insetto originario dell’oriente che poi è stato accidentalmente portato negli Stati Uniti.

L’animale depone le sue uova in quelle di altri insetti, in particolare in quelle della cimice asiatica che rappresenta uno dei parassiti più pericolosi per l’agricoltura italiana. L’obiettivo è sconfiggere la cimice senza l’uso dei pesticidi ma appunto grazie al suo avversario biologico.

L’ok alla sperimentazione è arrivata dopo diverse consultazioni tra il ministero dell’Ambiente e gli enti Ispra, Arpa, Crea con l’aiuto di diverse università italiane.

La cimice asiatica in Campania

La cimice asiatica dal 2018 è stata avvistata anche in Campania. In Irpinia diversi agricoltori l’hanno segnalata nei mesi scorsi. Il timore è che se si dovesse diffondere potrebbe portare gravi danni ai noccioleti e ai vigneti del territorio ma anche ai numerosi alberi da frutto. Pochi giorni fa però in Irpinia è iniziata l’installazione di alcune trappole che attraggono e bloccano la cimice asiatica.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!