Accoltella il vicino che ritira i soldi al bancomat: condannato per tentato omicidio

Dieci anni e otto mesi ad Anronio Baldo, accusato di tentato omicidio: accoltellò e picchiò un infermiere in pensione a Nocera Inferiore

2' di lettura

Dieci anni e otto mesi di carcere al 57enne che ha accoltellato e picchiato il suo vicino di casa. La sentenza è stata emessa ieri mattina. I fatti si sono svolti a Nocera Inferiore nel dicembre dello scorso anno. E’ stato ritenuto colpevole di tentato omicidio.

L’aggressione all’ex infermiere

Antonio Baldo ha notato il vicino, E.G., di 72 anni, con il quale avrebbe avuto dei vecchi dissapori, prelevare del denaro dal bancomat. E’ accaduto in via Martinez Y Cabrera, a pochi metri dal passaggio a livello.

Ha colpito cinque volte, lo ha seguito e colpito ancora

Il 57enne ha chiesto soldi all’anziano, al netto rifiuto della vittima ha impugnato il coltello e colpito cinque volte. L’anziano, ex infermiere, è rimasto gravemente ferito, nonostante tutto è riuscito a raggiungere la sua abitazione in via Falcone. Stava per chiedere aiuto, alle sue spalle è ricomparso Antonio Baldi che nell’androne del condominio ha sferrato un’altra coltellata al pensionato e lo ha picchiato prima di dileguarsi. Venne arrestato qualche giorno dopo su un treno per Salerno.

Arrestato sul treno per Salerno

Un arresto rocambolesco: era stato notato dagli agenti della squadra mobile nei pressi della stazione ferroviaria di Nocera Inferiore. Alla vista degli agenti della polfer, che erano stati avvisati dai colleghi, Baldo è salito sul primo treno e si è diretto verso il capoluogo salernitano. E’ stato ammanettato sulle carrozze del convoglio. Prima di essere recluso in cella è stato trasportato all’ospedale Ruggi d’Aragagona, aveva una profonda ferita alla mano. Se l’era procurata da solo durante l’aggressione al vicino. E le tracce di sangue rinvenute sul luogo del tentato omicidio sono state una ulteriore prova della sua colpevolezza.

Era un momento difficile per me”

Al giudice dichiarò che stava attraversando un periodo difficile, era morta sua madre, aveva perso il lavoro e non aveva intenzione di commettere una rapina. L’ex infermiere venne ricoverato in ospedale, non ha mai corso pericolo di vita.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!