Vino rosso: benefici e danni alla vostra salute

Vino rosso, benefici e danni alla vostra salute: è un nettare che fa vivere cent'anni o accorcia la vita? Alcuni studi dimostrano gli evidenti effetti salutari del vino rosso, ma bisogna assumerlo con moderazione. Ecco a cosa fa bene e qual è il consumo consigliato ogni giorno.

6' di lettura

Chi beve vino campa cent’anni. Ma è proprio così? Il vino, e in particolare quello rosso, davvero allunga la vita, davvero fa bene alla salute? La questione è dibattuta, e in Paesi come Italia e Francia, i più importanti e riconosciuti produttori di vino, suscita spesso “guerre ideologiche”, tra chi ritiene intoccabile il vino (e ne riconosce elevate qualità salutari), e chi invece non ne è troppo convinto, e giudica il nettare rosso alla stregua di un qualsiasi alcolico, che può essere buono, ma non per questo è anche benefico per il nostro organismo.

Sono molti gli studi che hanno suggerito nel corso degli anni che un consumo moderato di vino rosso sia capace di ridurre il rischio di molte patologie, in particolare quelle cardiache.

In questo caso il punto in questione è il “consumo moderato”. Ovvero, qual è il confine che lo separa da un consumo eccessivo, che ha inevitabilmente ricadute sulla nostra salute?

Vediamo cosa comporta il vino rosso sulla nostra salute.

Il vino rosso

Il vino rosso ha una gradazione alcolica che oscilla in genere tra i 12 e i 15 gradi alcolici. Assunto in quantità moderate sono stati dimostrati effetti benefici per la salute. E il merito è dovuto soprattutto a una sua qualità: contiene potenti antiossidanti. Come ha dimostrato una ricerca effettuata su 127mila persone tra il 1997 e il 2000.

Il paradosso francese: mangiano grasso e stanno bene col cuore

Nell’analizzare le qualità (o i presunti punti deboli), del vino rosso, la rivista Healtline, cita il “paradosso francese”. Un paradosso che per anni ha indirizzato in una sola direzione il giudizio sulle proprietà salutari del vino rosso.

Ebbene, i francesi hanno storicamente bassi tassi di malattie cardiache, eppure la loro cucina prevede il consumo di molti grassi saturi e colesterolo. Sono anche, come gli italiani, tradizionali bevitori di vino. Per anni alcuni esperti hanno ritenuto che proprio il vino rosso proteggesse la popolazione francese dagli effetti nocivi della loro alimentazione.

Questo paradosso è stato però smontato negli ultimi anni, quando si è scoperto che il colesterolo alimentare e i grassi saturi non sono la causa di malattie cardiache, soprattutto se non se ne assumono quantità eccessive.

Se i francesi hanno meno problemi cardiaci non è forse a causa del vino rosso, ma per una alimentazione che prevede più cibo integrale e, probabilmente, a uno stile di vita che è più sano rispetto a quello di altre popolazioni.

Cosa contiene il vino rosso

Il vino rosso è composto – come detto – da potenti composti vegetali antiossidanti. Tra questi il resveratrolo, la catechina, l’epicatechina e la proantocianidine

Che significa? Semplice, sarebbero proprio questi composti a dare benefici alla salute e possono prevenire malattie cardiache e cancro.

Leggi anche: Mangiare la pizza fa bene o male? Cosa dicono gli esperti

Leggi anche: Un mela al giorno toglie il medico di torno

L’elemento più prezioso è il resveratrolo che si trova nella buccia dei chicchi d’uva.

Tutto ok, dunque: il vino fa rosso fa bene? Un momento. Purtroppo il contenuto di resveratrolo nel vino rosso è basso. Per averne benefici bisognerebbe berne diversi litri al giorno. Ma è una scelta sconsigliabile: arriverebbero altri problemi, più gravi di quelli che può contribuire a risolvere o prevenire il resveratrolo. Meglio a quel punto acquistare un integratore con il resveratrolo: avrete più benefici senza passare la giornata ubriachi.

Può ridurre il rischio di ictus, malattie cardiache e morte prematura

Una cosa è certa per gli amanti del vino: il vino rosso ha qualità salutari maggiori rispetto a qualsiasi altra bevanda alcolica. Berne un bicchiere e mezzo al giorno riduce il rischio di malattie cardiache del 32% rispetto a chi non lo beve. Questa – se siete amanti del vino rosso – segnatela bene. Ma bisogna ricordare anche altro: se quella quantità inizia a diventare più elevata, quel rischio di malattie cardiache è destinato a crescere e non a diminuire.

Una quantità moderata di vino rosso trattiene (o aiuta a farlo), il colesterolo buono nel sangue, riducendo nel contempo, fino al 50%, i danni che provoca il colesterolo cattivo.

Ma non è tutto. Altri studi hanno accertato che bere da 1 a 3 bicchieri di vino rosso al giorno riduce il rischio di ictus negli uomini di mezza età.

E infine, i bevitori moderati di vino rosso hanno anche un rischio più ridotto di morti per patologie cardiache rispetto a chi bene altri alcolici o anche la birra.

Gli altri benefici del vino rosso (bevuto con moderazione)

Ma ci sono anche altri effetti salutari del vino rosso (sempre se assunto con moderazione, 1, 3 bicchieri al giorno):

Riduce il rischio di cancro: il consumo di vino rosso è collegato anche alla riduzione di diversi tipi di tumore, come quelli del colon, delle ovaie e della prostata.

Riduce il rischio di demenza: l’assunzione moderata di vino rosso abbassa anche i rischi di demenza e del morbo di Alzheimer.

Riduce il rischio di depressione: uno studio ha dimostrato che persone di mezza età, abituate a bere tra 2 a 7 bicchieri di vino la settimana, hanno minori probabilità di cadere in depressione.

Riduce la resistenza all’insulina: bere due bicchieri di vino rosso per 4 settimane riduce anche la resistenza all’insulina.

Riduce il rischi diabete di tipo 2 nelle donne: consumare, sempre in modo moderato, vino rosso consente di abbassare il rischio di diabete due nelle donne.

I problemi alla salute causati dal vino rosso (se bevuto in eccesso)

Questi sono tutti gli aspetti positivi legati al consumo moderato di vino rosso.

Un consumo eccessivo di vino rosso (come di qualsiasi altro alcolico), casua invece danni gravi alla salute. È giusto ricordarli:

Dipendenza da alcol: bere alcolici regolarmente e in quantità elevate può portare all’alcolismo.

Cirrosi epatica: quando si consumano più di 3 bicchieri di vino rosso al ogni giorno, si corre il rischio di sviluppare malattie del fegato. In particolare cirrosi, che può essere letale.

Aumento del rischio di depressione: i forti bevitori corrono un rischio molto più alto di depressione rispetto a chi beve con moderazione o a chi non beve affatto.

Aumento di peso: il vino rosso contiene il doppio delle calorie rispetto alla birra e alle bevande analcoliche zuccherate. Un consumo eccessivo può contribuire a un elevato apporto calorico e far aumentare il peso corporeo.

Aumento del rischio di morte e malattie: bere molto vino, anche solo per uno o 3 giorni alla settimana, può aumentare il rischio di diabete negli uomini. L’elevata assunzione di alcol è stata anche collegata a un aumentato rischio di morte prematura.

In conclusione, il vino rosso rosso fa bene o male?

Fa decisamente bene se assunto con moderazione. Al contrario bevuto in quantità eccessive è causa di gravi patologie.

Gli esperti consigliano di bere queste quantità:

Un un bicchiere (o un bicchiere e mezzo) al giorno per le donne

Due bicchieri al giorno per gli uomini.

È chiaro, comunque, che quelle quantità si riferiscono all’assunzione complessiva di alcol in 24 ore. Se si beve anche altro il discorso – per i benefici alla salute – cambia: o si riduce il vino o gli altri alcolici.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie