Conza, fedeli violentate: nuovo processo per pastore e mamma

Conza della Campania (Avellino), accusato di violenza sessuale su alcune fedeli: è stato rinviato a giudizio un pastore evangelico già impegnato in un altro processo.

Violenza sessuale. Rinviato a giudizio un pastore evangelico di Conza della Campania
Violenza sessuale. Rinviato a giudizio un pastore evangelico di Conza della Campania
2' di lettura

Nuovo rinvio a giudizio per l’87enne pastore evangelico di Conza Della Campania (Avellino), difeso dall’avvocato Giovanna Perna, già a processo con le accuse di riduzione in schiavitù di alcune fedeli, che ora dovrà sostenere un nuovo procedimento penale per violenza sessuale.

Violenza sessuale. Rinviato a giudizio un pastore evangelico di Conza della Campania
Violenza sessuale. Rinviato a giudizio un pastore evangelico di Conza della Campania

Violenza sessuale: le nuove denunce

Otto le donne individuate come parti offese. Il processo inizierà il 26 gennaio 2021 davanti al collegio giudicante di Avellino presieduto dal giudice, Luigi Buono. A processo è stata spedita anche una 59enne di Conza della Campania (difesa dall’avvocato Pompeo Del Re), madre di una delle ragazze vittime di violenza, non si sarebbe opposta con efficacia ai comportamenti del pastore.

Un processo nato da un’opposizione all’archiviazione, proposta dalla Procura, curata dall’avvocato Danilo Iacobacci, che assiste due ragazze che saranno parti civili nel processo (le altre sono rappresentate dagli avvocati Olindo Paolo Preziosi, Rosario Maglio, Paola Forcione e Fabiola De Stefano).

Le accuse al pastore evangelico

L’87enne sta già sostenendo un processo in Corte d’Assise per riduzione in schiavitù. Un’accusa gravissima: quella di aver soggiogato, grazie all’influenza spirituale, le donne che facevano parte della comunità religiosa (alcune minorenni), ricevendo in cambio favori sessuali e a volte anche regali in denaro. Questa l’ipotesi dell’accusa.

L’uomo, difeso dall’avvocato Giovanna Perna, nel processo ha anche fatto recapitare una lettera dalla quale emerge una ricostruzione differente: non ha mai commesso alcuna violenza, anzi è stato lui quello ricattato da una delle presunte vittime.

In due rischiano il processo

Nell’inchiesta bis sono confluite alcune delle denunce, delle donne ascoltate durante il processo principale, e vengono contestati i diversi episodi di violenza sessuale.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie