Woody Allen: 4 film per gli 85 anni del maestro

Woody Allen: il genio del cinema ha compiuto ieri 85 anni. Regista, attore e jazzista è l’uomo delle arti. Lo festeggiamo attraverso quattro suoi capolavori?

Woody Allen film
Impossibile festeggiare il compleanno del regista più influente dei nostri tempi senza rivedere alcune delle sue opere più belle. Ecco qualche suggerimento.
6' di lettura

Nell’anno del libro delle sue memorie, dal titolo Apropos of Nothing (A proposito di niente) in cui sostiene la sua innocenza di fronte alle accuse di molestie da parte della figlia Dylan Farrow, Woody Allen spegne 85 candeline. Il giudizio di certo appartiene ai tribunali, ma ciò che il compleanno dell’artista non può fare a meno di sottolineare è l’amore degli appassionati per il suo cinema.

(A questo link tutte le notizie sul mondo della televisione e del cinema e qui il gruppo facebook con tutte le news)

Woody Allena filmografia

Quella firmata da Woody Allen è una filmografia indimenticabile: tra psicanalisi, nevrosi, ilarità disincantata, il resoconto della sua carriera è sicuramente dorato. In oltre cinque decenni di carriera, il regista dallo stile inimitabile ha realizzato opere dai temi più disparati. Abbiamo pensato di proporvene alcuni da rivedere oggi stesso.

Indice:


Io e Annie (1977) – una risata malinconica

Un film della maturità registica in cui Woody Allen riversa una forma di autobiografia pressoché perfetta. La pellicola parla di due protagonisti che cercano disperatamente di mantenere un rapporto stabile dopo essere stati una coppia. Ed è esattamente quello che sta accadendo nella vita di Allen in quel periodo con la compagna (nella vita e sul set) Diane Keaton.

Uno spaccato sulla società dello spettacolo e una celebrazione dell’intellettuale un po’ goffo che fa ironia di affaristi, attori e arrivisti. Ma anche l’archetipo della sua idea di contrasto uomo/donna, una lunga metafora sull’incapacità di capirsi fino in fondo. Non esistono dialoghi più precisi e pungenti di quelli che ritroviamo in questo film, con il loro guizzo di humor, leggerezza e una sferzata di malinconia che ce lo rende indimenticabile.

Manhattan (1979) – il dolce e l’amaro

Il film icona di Woody Allen ha diverse chiavi di lettura: da una parte, la brillantezza del dialogo, sempre sferzante e la sua delicata bellezza; dall’altra la critica aspra alla borghesia e alla concezione stessa di romanticismo. L’ambivalenza dello stile del regista, in questo film, trova una sintesi ideale. Woody Allen è, allo stesso tempo, il critico e il criticato. Punta il dito verso quel mondo di cui fa parte, senza però riuscire a vedere tutte le contraddizioni che lui stesso vive.

Citando un passaggio di Manhattan, che è come inseguire un riflesso nello specchio del regista, “Era soggetto ad accessi d’ira, di paranoia giudaico-liberale, di sciovinismo maschile, di misantropia farisaica, di ubbie nichiliste e prostrazioni, un continuo lagnarsi della vita senza tentare mai la via di una soluzione. Spasimava per essere un artista ma evitava i sacrifici necessari per esserlo. Nei momenti di maggiori intimità parlava di morte raggiungendo vette di una tragicità che in effetti era mero narcisismo” .

Woody Allen film
Impossibile festeggiare il compleanno del regista più influente dei nostri tempi, Woody Allen, senza rivedere alcune delle sue opere più belle. Ecco qualche suggerimento.

Manhattan, più di un film, è un modo di osservare il mondo e i suoi abitanti. Un saggio pessimista sulla banalità dell’universo avvolto nella più dolce delle idee romantiche: “Adorava New York. La idolatrava smisuratamente. Era la sua città e lo sarebbe sempre stata.” Al di là delle illusioni e le speranza disattese, la bellezza.

Match Point (2005) – un thriller filosofico

In questo film Woody Allen compie un salto, lasciandosi per adesso alle spalle la vena comica che lo contraddistingue per portare sul grande schermo un thriller drammatico dal sapore esistenziale. La premessa della storia di Chris è semplice: è un allenatore di tennis che stringe amicizia con il tuo allievo Tom e la sua famiglia.

In questa, in particolare in Chloe – sorella di Tom, vede la possibilità di migliorare la propria condizione di vita. Il tutto accade nello stesso momento in cui a Chris viene svelato il vero volto della passione, rappresentato da Nola Rice, giovane attrice americana e fidanzata di Tom. 

Dopo l’annuncio della gravidanza di Nola, proprio nel momento in cui la vita di Chris sembrava in perfetto equilibrio tra un matrimonio conveniente con Chloe e una passione che non vuole negarsi, il protagonista ci mostra il suo vero, sinistro volto.

In nessun film di Woody Allen manca la riflessione sulla condizione umana, ma in Match Point i momenti di epifania in cui il protagonista coglie i conflitti interiori e il proprio immobilismo morale sono portati all’estremo. Non ci sono giudizi morali in Match Point, solo una visione cruda del mondo e della casualità che lo regola.

Irrational Man (2015) – la storia di tutte le storie

Punto focale da cui si diramano tutte le vicende di Irrational Man è un omicidio. Intorno, un gioco di seduzioni e tradimenti. Il film non fa che mostrarci le tematiche radicate nelle opere di Woody Allen, ma con una nuova attenzione al dettaglio. Una riflessione che non trova più lo sfogo massimo nella forma dei dialoghi, ma soprattutto nelle scelte formali delle inquadrature.

Abe (Joaquin Phoenix), professore di filosofia (naturalmente), seduce quasi per sbaglio Jill (Emma Stone). La relazione che ne scaturisce viene messa in crisi dall’animo un po’ dannato e un po’ disperato di Abe, che lo spinge a progettare un omicidio, anch’esso quasi per caso.

Questa volta il protagonista di Allen non sta cedendo a nessuna legge utalitaristica (come Chris in Match Point), né al bisogno di essere salvato. Abe cerca qualcosa in questa vita a cui non sa dare nessun vero significato. È un Irrational Man, appunto. E se nella vita niente è come sembra e quest’illusione rischia di farci credere di aver afferrato un senso che in realtà non esiste, allora anche le passioni più elementari – come l’amore, o il sesso, e la morte – non possono essere altro che due facce della stessa medaglia.

Dalla filmografia di Woody Allen è difficile scegliere in modo oggettivo, ogni opera sembra toccare corde differenti di diverse individualità. Eppure ogni film è uno spaccato che, più che rivelarci qualcosa sul mondo, ci suggerisce qualcosa di noi stessi e delle nostre idiosincrasie. Dei nostri egoismi. Non resta che premere play e meravigliarsi ogni volta.

Ti può interessare anche:

Shock value e serie tv: il segreto di Game of Thrones

Serie TV Comedy: 3 titoli sottovalutati da recuperare

The Walking Dead: cosa sappiamo sugli spinoff

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie