Italia zona gialla: lockdown dove c’è la variante inglese

In Italia zona gialla in 17 regioni mentre quattro sono in arancione: esplosione di casi da variante inglese in alcune province dove è scattato il blocco totale. Le mutazioni, insieme ai ritardi della campagna vaccinale sono grandi preoccupazioni nonostante il diffuso rischio moderato nella Penisola.

3' di lettura

L’attuale quadro cromatico dell’Italia è questo: 17 regioni in zona gialla, 4 in zona arancione, nessuna in rosso (con l’eccezione di alcune province), e nessuna in bianco (purtroppo). Da domani (lunedì 8 febbraio), queste saranno le “colorazioni di rischio” della Penisola sulla base delle più recenti valutazioni del Comitato tecnico scientifico.

Un quadro positivo, direte. Quasi tutta l’Italia nella fascia moderata di rischio (zona gialla). Ma le preoccupazioni sono molte. La campagna vaccinale, la diffusione delle varianti del coronavirus e gli assembramenti nei posti di ritrovo e nelle zone dello shopping, alimentati dalla zona gialla del rischio moderato.

Zona gialla, assembramenti ovunque

Anche ieri scene di folla si sono viste in tutte le città, da nord a sud. A Roma, come altrove, alcune strade sono state chiuse per limitare la calca

Ma l’attenzione si punta soprattutto sulla diffusione delle varianti del coronavirus, anche perché la più alta contagiosità ha già causato gravi problemi in molte altre nazioni europee (Gran Bretagna soprattutto). Ci sono già amministratori costretti a prendere seri provvedimenti laddove la mutazione del coronavirus sta causando una impennata dei contagi.

C’è un’Italia in lockdown

Sarà infatti lockdown duro nella Provincia autonoma di Bolzano, già a partire da domani (8 febbraio). Il che significa serrande abbassate per bar, ristoranti, ma anche per negozi al dettaglio e zero mobilità tra i comuni e scuole superiori con dad al 100%. Le medie e le elementari chiuderanno il 10 febbraio e fino al 22.

In zona rossa anche tutta la provincia di Perugia e sei comuni della provincia di Terni (sempre da domani). Il lockdown resterà in vigore fino al 21 febbraio. Saranno adottate misure da zona rossa più altre restrizioni. Anche in questo caso il blocco è stato imposto dalla diffusa circolazione delle varianti del coronavirus.

È previsto nell’ordinanza del presidente della Regione Umbria che «nei comuni specificati saranno sospesi tutti i servizi socioeducativi per la prima infanzia – fino a 36 mesi di età – pubblici e privati e i servizi educativi delle scuole dell’infanzia, statali e paritarie, mentre le classi delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado, statali e paritarie, svolgeranno esclusivamente le lezioni con modalità a distanza (Dad). Resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza – si legge nel testo – qualora sia necessario l’uso di laboratori o in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali».

Provvedimenti analoghi, sempre da domani, interesseranno anche i centri di altre regioni. In tutto l’Abruzzo (che è zona gialla) gli studenti delle superiori torneranno alla didattica a distanza. A Pescara, dove si è registrato un boom di infezioni da coronavirus negli ultimi giorni, saranno sospese le lezioni in presenza in tutte le scuole.

Ecco la nuova mappa da lunedì 8 febbraio

ZONA GIALLA: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Provincia autonoma di Trento, Sardegna, Toscana, Valle d’Aosta, Veneto.

ZONA ARANCIONE: Provincia Autonoma di Bolzano, Puglia, Sicilia, Umbria.

ZONA ROSSA: Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia di Perugia (con sei comuni del ternano)

ZONA BIANCA: Nessuna regione.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie