Zona rossa e zona arancione: regole per genitori e figli

Dalla zona rossa alla zona arancione. Regole per raggiungere genitori e figli, cosa cambia. Possibile raggiungere i figli da parte di genitori. In ogni caso.

Zona rossa e zona arancione: regole per genitori e figli
Zona rossa e zona arancione: regole per genitori e figli
2' di lettura

Come cambia la possibilità di visitare i parenti in base al colore della propria regione sulla cartina. Dalla zona rossa alla zona arancione. Possibile il ricongiungimento tra genitori divorziati e figli. Vediamo tutte le regole previste per questi spostamenti.

Indice:

Cosa cambia da zona a zona

Da novembre, l’Italia è divisa in zona rossa, zona arancione e zona gialla per limitare, con restrizioni di entità diverse, il contagio da Coronavirus.

“Un sistema che si sta rivelando efficacie”, ha commentato il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte durante la conferenza stampa per presentare il DPCM del 3 dicembre 2020, in vigore fino al 15 gennaio.

La strategia della divisione in zone in base alla gravità dei contagi sarà in vigore ancora per quasi un mese. Lo scopo? Limitare gli spostamenti, imponendo restrizioni più o meno stringenti in base alle criticità esistenti.

Ma con l’avvicinarsi delle festività, ci si chiede se sarà possibile ricongiungersi ai propri familiari e quali saranno le regole da adottare.

Proviamo a fare chiarezza partendo dalle informazioni diffusa dal sito ufficiale della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Zona rossa e zona arancione: regole per genitori e figli
Zona rossa e zona arancione: regole per genitori e figli

Zona arancione e zona rossa

Dopo la serrata del 21 dicembre 2020 non sarà più possibile lasciare la propria regione, in zona gialla.

Infatti, in zona arancione non si può uscire al proprio comune di residenza se non per comprovate ragioni di necessità.

Secondo quanto riportato da Repubblica, sarà possibile trascorrere il Natale solo con parenti stretti, cioè solo tra nonni, genitori e figli. Esclusi gli zii e i cugini, così come gli amici. Ma occorre attendere l’intervento del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte per avere informazioni certe sul da farsi.

In generale, indipendentemente dalla zona, sarà sempre possibile recarsi presso persone anziane bisognose di assistenza. Ma attenzione, con riferimento alla normativa vigente dal 21 dicembre al 6 gennaio, non più di una persona adulta della famiglia è considerata necessaria e quindi autorizzata allo spostamento.

Si raccomanda non ricevere in casa persone altre dai conviventi, in tutte le zone.

L’eccezione è ammessa per figli e genitori divorziati non conviventi,. Infatti un genitore può sempre legittimamente ricongiungersi ai figli, sia in zona rossa che in zona arancione, ma scegliendo il tragitto più breve.

Per quanto riguarda la visita ai nonni, è fortemente sconsigliato, ma non vietato. Infatti, se nessuno dei genitori può farsi carico dei figli, è ancora possibili lasciarli presso i nonni per situazioni di necessità e urgenza. Tuttavia è preferibile evitare, trattandosi della categoria più a rischio per questa emergenza.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie