Zona rossa Italia: c’è un nuovo parametro per le Regioni

Zona rossa Italia: l'Istituto Superiore della Sanità ha proposto di inserire nella zona rossa la regioni dove si registrano più di 250 casi ogni 100.000 abitanti. In questo caso verrebbe scongiurato un nuovo caso Veneto, che è rimasto in zona gialla nonostante il grande aumento dei casi solo per il gran numero di posti letto nelle strutture sanitarie. Con questo parametro proprio il Veneto sarebbe nettamente in zona rossa e rischierebbero altre due regioni.

3' di lettura

Zona rossa Italia: c’è un nuovo parametro che potrebbe facilitare l’ingresso di diverse regioni nella

fascia più alta di rischio. E’ quello relativo al numero di contagi ogni 100.000 abitanti, quando si supera la soglia dei 250 scatta automatica la zona rossa.

La proposta è stata formulata dall’Istituto Superiore della Sanità e già approvata dal Comitato tecnico Scientifico, che incide – come saprete – anche sulle scelte del governo. Se ne discuterà ora con le Regioni. Ma il nuovo criterio per decidere se una regione è in zona rossa dovrebbe passare.

E per un motivo molto semplice. Che vi raccontiamo.

Zona rossa Italia: il caso Veneto

La scelta del nuovo parametro serve ad evitare che si ripeta un errore di valutazione come quello commesso per il Veneto. Da mesi la regione amministrata da Luca Zaia sta facendo registrare molti contagi. Il numero più alto in Italia. Nelle ultime tre, quattro settimane la situazione è diventata drammatica. Eppure il Veneto è rimasto zona gialla, così hanno stabilito i 21 parametri studiati dall’Iss e applicati dal governo nell’assegnazione delle fasce di rischio.

Il motivo è semplice: il Veneto ha un importante disponibilità di posti letto nei reparti ospedalieri e nelle terapie intensive. E quindi anche di fronte a un numero elevato di contagi, di ricoveri e di morti, la situazione non è mai stata considerata critica. Nel frattempo, però,le restrizioni blande della zona gialla, hanno permesso al covid di diffondersi trasformando la regione nel focolaio d’Italia.

Per capirci, il Veneto ha oggi 454 casi ogni 100.000 abitanti. Quasi il doppio del limite che si intende introdurre per disporre in un territorio la zona rossa.

Sono numeri da altissimi rischio epidemiologico, eppure il Veneto è passato in zona arancione solo da qualche giorno. Per mesi, a dispetto dei numeri che raccontavano altro, la regione è sempre rimasta in zona gialla.

Zona Rossa Italia, le altre regioni a rischio

Oltre al Veneto, in questo momento sono altre due i territori che rischiano di finire in zona rossa per il parametro legati ai casi di covid ogni 100.000 abitanti: l’Emilia Romagna, dove si registrano 242.44 casi (ogni 100.000) e la provincia di Bolzano (231.36).

La media nazionale è pari a 166.02 ogni 100.000.

Il nuovo parametro potrebbe essere inserito tra quelli indispensabili per valutare il rischio contagio in una regione nel nuovo decreto Conte (dcm), che entrerà in vigore il prossimo 16 gennaio.

E visto anche il costante aumento dei contagi in tutta la Penisola, e in particolare in cinque, sei regioni, potrebbe decretare la zona rossa per una parte consistente del territorio nazionale.

Zona bianca Italia

Verrà inserita nel nuovo dpcm anche la zona bianca, proposta dal ministro Dario Franceschini, quando una regione può considerarsi a rischio covid molto basso. In questo caso il dato dovrebbe essere inferiore a 50 contagi ogni 100.000 abitanti, un numero di positivi nove volte inferiore a quelli che fa registrare il Veneto ogni giorno.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie