Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Lavoro / Documenti per l’iscrizione alle categorie protette

Documenti per l’iscrizione alle categorie protette

Iscrizione alle categorie protette: quali documenti è necessario produrre e consegnare all'atto dell'iscrizione? Ne parliamo in questo approfondimento.

di Carmine Roca

Aprile 2022

Quali sono i documenti da produrre per effettuare l’iscrizione alle categorie protette? Ne parliamo in questo articolo (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Categorie protette: cosa sono e chi ne fa parte

In diversi nostri articoli ci siamo concentrati sulle categorie protette e sul collocamento mirato.

Fanno parte delle categorie protette tutte le persone in età lavorativa:

Si può far parte delle categorie protette anche se non si è invalidi o non si è affetto da una patologia. Infatti, l’articolo 18 della Legge 68 del 1999 allarga la platea dei beneficiari anche a:

L’iscrizione alle categorie protette permette di poter usufruire del collocamento mirato, ovvero di quegli strumenti che “permettono di valutare adeguatamente le persone con disabilità nelle loro capacità lavorative e di inserirle nel posto adatto, attraverso analisi di posti di lavoro, forme di sostegno, azioni positive e soluzioni dei problemi connessi con gli ambienti, gli strumenti e le relazioni interpersonali sui luoghi di lavoro e di relazione”.

Per legge, le aziende o i datori di lavoro che hanno dai 15 ai 35 dipendenti occupati devono assumere almeno un lavoratore appartenente alle categorie protette.

Se i dipendenti occupati sono tra i 36 e i 50, l’azienda o il datore di lavoro ha l’obbligo di assumere almeno 2 lavoratori appartenenti alle categorie protette. La quota sale fino al 7% di lavoratori con disabilità in un’azienda con più di 50 dipendenti occupati.

L’assunzione può avvenire tramite chiamata nominativa o numerica, scorrendo l’elenco presente presso i Centri per l’impiego, a cui il lavoratore con disabilità deve necessariamente iscriversi.

Ma quali sono i documenti da produrre per effettuare l’iscrizione alle categorie protette? Ne parliamo a breve.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Iscrizione alle categorie protette: documenti e come fare

Per l’iscrizione alle categorie protette è necessario recarsi presso il Centro per l’impiego del comune di residenza.

Il primo documento da produrre è il verbale di invalidità civile rilasciato dalla commissione medica dell’ASL di appartenenza, in seguito alla visita medica. Come detto in precedenza è obbligatorio essere stati riconosciuti invalidi civili almeno al 46% (oppure possedere un’invalidità al lavoro almeno del 33%).

Un altro documento necessario è il documento di identità, mentre da qualche anno è obbligatorio anche consegnare il documento di diagnosi funzionale, che viene rilasciato assieme al verbale di invalidità civile e con il quale vengono si descrivono le mansioni lavorative che può svolgere il richiedente.

Iscrizione alle categorie protette
Iscrizione alle categorie protette: quali documenti produrre?

Ricapitolando, i documenti da produrre e consegnare all’atto dell’iscrizione alle categorie protette sono tre:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp