Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Lavoro » Pensioni / Come si calcola il Tfr

Come si calcola il Tfr

Come si calcola il TFR? Qual è la retribuzione da prendere in considerazione e quali sono i diritti dei lavoratori dipendenti e del datore di lavoro. Vediamolo insieme in questo post.

di The Wam

Dicembre 2023

Come si calcola il TFR, il trattamento di fine rapporto? Una domanda piuttosto comune e che riguarda la totalità dei dipendenti, sia privati, sia pubblici (che hanno il TFS). Con questa piccola guida ti offriamo tutte le indicazioni necessarie per calcolare l’ammontare del tuo TFR. Vediamo. (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Cos’è il TFR?

Il Trattamento di Fine Rapporto (TFR) rappresenta una parte importante della retribuzione di ogni lavoratore. Questo accumulo finanziario è gestito dal datore di lavoro, che mensilmente accantona una quota della paga del dipendente. È in pratica un “salvadanaio”, che si trasforma in una somma consistente alla fine del rapporto di lavoro, sia in caso di licenziamento (anche per giusta causa) sia per dimissioni.

Il TFR è un diritto del lavoratore (e può anche essere richiesto in anticipo). Comprendere come funziona è rilevante, perché consente ai lavoratori di essere consapevoli dei propri diritti e di verificare la correttezza delle operazioni effettuate dal datore di lavoro.

Per le richieste anticipate di TFR c’è online una piattaforma dedicata.

Importanza del TFR

  1. Sicurezza finanziaria: il TFR funziona come un fondo per il futuro, fornendo un cuscinetto finanziario al termine del rapporto di lavoro (verifica quando il fondo pensione è meglio del Tfr).
  2. Diritto del lavoratore: conoscere il proprio TFR significa essere informati sui propri diritti e su quanto si è accumulato durante gli anni di lavoro.
  3. Verifica di correttezza: aiuta a controllare che il datore di lavoro calcoli e accantoni correttamente la quota.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Come si calcola il TFR?

Il calcolo del TFR si basa su una formula specifica che tiene conto della retribuzione annuale del lavoratore e degli anni di servizio. Il processo è standardizzato e prevede dei passaggi chiari.

Ti ricordiamo che non è legittimo rateizzare il TFR

Formula di calcolo

Il calcolo del TFR si effettua sommando, per ogni anno di servizio, la retribuzione utile del lavoratore divisa per 13,5. Questo metodo di calcolo è fisso e non può essere modificato, né in senso positivo né negativo per il lavoratore. (per verificare c’è un interessante post che spiega come leggere la busta paga correttamente)

Esempio pratico

Per capire meglio, facciamo un esempio. Se un lavoratore ha un salario annuo di 30.000 euro e ha lavorato per 10 anni, il suo TFR sarà:

Questo significa che, al termine del suo rapporto di lavoro, il lavoratore avrà diritto a un TFR di 22.222,22 euro.

Considerazioni importanti

  1. Variazioni salariali: il calcolo tiene conto delle variazioni salariali avvenute durante gli anni di servizio.
  2. Retribuzioni extra: bonus, premi, e altre forme di retribuzione extra possono influenzare l’ammontare del TFR.
  3. Datore di lavoro: è compito del datore di lavoro effettuare correttamente questo calcolo e informare il dipendente sull’ammontare accumulato.

Elementi inclusi nella retribuzione annuale per il TFR

Il calcolo del Trattamento di Fine Rapporto (TFR) dipende strettamente dalla retribuzione annuale del lavoratore. Non si limita al solo stipendio base, ma include una serie di componenti che contribuiscono all’ammontare totale del TFR.

Quali sono le componenti della retribuzione annuale?

Per calcolare il TFR correttamente, bisogna considerare:

Cosa viene escluso?

I rimborsi spese non sono inclusi nel calcolo del TFR. Vengono considerati separatamente perché non rappresentano una retribuzione ma un rimborso per spese sostenute dal lavoratore per conto dell’azienda.

Calcolo della retribuzione utile per il TFR

La retribuzione utile per il TFR si calcola seguendo criteri ben definiti, basandosi sulla normativa legale o contrattuale vigente al momento dell’accantonamento.

Determinazione della retribuzione utile

Per calcolare la retribuzione utile del TFR, si considerano:

Esempio pratico

Immaginiamo un lavoratore con una retribuzione annua di 28.000 euro e diversi bonus. Per calcolare la sua retribuzione utile per il TFR, si considereranno tutti questi elementi secondo le norme vigenti al momento di ogni accantonamento, indipendentemente da eventuali cambiamenti normativi futuri.

Obblighi del datore di lavoro nel calcolo del TFR

Il datore di lavoro ha specifiche responsabilità nella gestione del TFR. Queste includono:

Ti ricordiamo che ci sono del limiti per il pignoramento del TFR

I benefits in natura nel calcolo del TFR

Quando si calcola il TFR, è necessario, come abbiamo accennato, includere anche i benefits in natura. Sono valutati basandosi sul loro valore reale di mercato, e non su quello convenzionale stabilito per scopi fiscali o contributivi.

Criteri per valutare i benefits in natura

I benefits in natura sono valutati seguendo criteri che possono variare in base al contratto collettivo applicabile. Significa che il valore dei benefits può influenzare l’ammontare del TFR in modo significativo.

Nel TFR come si determinano i periodi di sospensione dal lavoro?

Il calcolo del Trattamento di Fine Rapporto (TFR) tiene conto dei periodi in cui il lavoratore è stato sospeso dal lavoro. Generalmente, i periodi di sospensione non influenzano l’accumulo del TFR, ma esistono alcune eccezioni importanti:

In questi casi, si considera una retribuzione figurativa, che corrisponde a quanto avresti guadagnato se fossi stato al lavoro.

Sono previste deroghe per il calcolo del TFR?

Sì, esistono delle deroghe nel calcolo del TFR che possono essere stabilite attraverso la contrattazione collettiva. Queste deroghe devono essere sempre a vantaggio del lavoratore. Ad esempio, possono prevedere:

Se il lavoro viene interrotto entro l’anno, cosa accade al TFR?

In caso di cessazione del rapporto di lavoro durante l’anno, la gestione del TFR avviene in modo specifico:

Queste regolamentazioni assicurano che il TFR sia calcolato equamente, tenendo conto delle varie situazioni lavorative e proteggendo i diritti dei lavoratori.

Come si calcola il TFR/TFR nella scuola

La procedura per calcolare il TFR per i dipendenti scolastici prevede diversi passaggi.

Identificazione della retribuzione dell’ultimo anno di servizio

Il primo passo è determinare l’importo della retribuzione annuale ricevuta nell’ultimo anno di servizio. Questa cifra è fondamentale per il calcolo del TFR e deve essere precisa.

Calcolo dell’importo base mensile

Una volta identificata la retribuzione annua:

  1. Divisione per 12: l’importo annuale viene diviso per 12, per ottenere una base mensile.
  2. Moltiplicazione per l’80%: il risultato di questa divisione viene poi moltiplicato per l’80% (0,80). Questo passo calcola la quota mensile che contribuirà all’ammontare totale del TFR.

Moltiplicazione per gli anni di servizio

Infine, la cifra ottenuta dalla moltiplicazione viene poi moltiplicata per il numero totale degli anni di servizio. Questo calcolo finale determina l’importo lordo del TFR o TFS spettante al lavoratore della scuola.

Esempio Pratico

Prendiamo, ad esempio, un insegnante con una retribuzione annua di 35.000 euro e 43 anni di servizio:

In questo caso, l’importo lordo del TFR/TFS spettante sarebbe di circa 100.333 euro.

Come si calcola il Tfr
Nell’immagine è raffigurato con una certa ironia un lavoratore che calcola il suo TFR.

FAQ (domande e risposte)

Come si determina l’ammontare del TFR per dipendenti?

L’ammontare del Trattamento di Fine Rapporto (TFR) per i dipendenti viene calcolato sommando, per ogni anno di servizio, la retribuzione utile del lavoratore divisa per 13,5. Questo metodo è inderogabile e si applica sia in caso di miglioramento che di peggioramento per il lavoratore.

Quali elementi rientrano nella retribuzione annuale per il TFR?

Nella retribuzione annuale per il TFR si includono tutte le somme corrisposte in dipendenza del rapporto di lavoro, esclusi i rimborsi spese. Ciò comprende l’equivalente delle prestazioni in natura, tutti i compensi non occasionali, e i compensi arretrati dovuti per vertenze o rinnovi contrattuali con decorrenza retroattiva.

In che modo influisce la retribuzione utile sul calcolo del TFR?

La retribuzione utile influisce significativamente sul calcolo del TFR. Questa viene determinata sulla base della normativa legale o contrattuale in vigore al momento degli accantonamenti e non della normativa in vigore al momento della cessazione del rapporto di lavoro. Pertanto, ogni variazione nel corso degli anni nella retribuzione del lavoratore incide direttamente sull’ammontare del TFR.

Quali sono gli obblighi del datore di lavoro riguardo il TFR?

Il datore di lavoro è obbligato ad accantonare la quota di TFR, registrarla nel bilancio aziendale e comunicarne annualmente l’ammontare al lavoratore. Questo assicura trasparenza e correttezza nella gestione del TFR.

Come vengono trattati i benefits in natura nel TFR?

I benefits in natura devono essere valutati in termini economici per il calcolo del TFR, facendo riferimento al loro valore normale e non quello convenzionale ai fini fiscali e contributivi. Le modalità di valutazione possono variare in base ai criteri stabiliti dal contratto collettivo.

Cosa succede al TFR se il lavoro si interrompe nell’anno?

Se il rapporto di lavoro termina durante l’anno, la quota di TFR accantonata fino al 31 dicembre dell’anno precedente viene rivalutata in base all’indice ISTAT del mese di cessazione. La parte fissa del TFR (1,5%) viene calcolata in dodicesimi, proporzionalmente al periodo lavorato nell’anno. Se il rapporto di lavoro inizia e termina nello stesso anno solare, la quota di TFR non subisce rivalutazioni.

Come si Calcola il TFR/TFR nella Scuola?

Per i lavoratori della scuola, il calcolo del TFR/TFS inizia identificando la retribuzione dell’ultimo anno di servizio. Questo importo viene diviso per 12 e moltiplicato per l’80%. La cifra risultante è poi moltiplicata per gli anni di servizio. Ad esempio, un docente con una retribuzione annua di 35.000 euro e 43 anni di servizio avrà un TFR/TFS di circa 100.333 euro. In caso di pensione anticipata, la prima tranche del TFR/TFS viene erogata dopo almeno 27 mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro. Se l’importo supera i 50.000 euro, la prima tranche coprirà solo questa somma, e per il resto si attende ulteriori 12 mesi dalla liquidazione della prima rata.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp