Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Fisco e tasse / Cosa rischio se uso l’auto con il fermo amministrativo

Cosa rischio se uso l’auto con il fermo amministrativo

Cosa rischio se uso l’auto con il fermo amministrativo? Le conseguenze sono gravi, compresa la confisca del veicolo. Vediamo come funziona la procedura, come difendersi e cosa non fare.

di The Wam

Aprile 2024

Cosa rischio se uso l’auto con il fermo amministrativo? Quali sono le conseguenze se vengo fermato alla guida di un veicolo che ha subito il fermo perché non ho pagato tasse, multe o altri oneri? La situazione potrebbe essere molto complicata e non si esclude la confisca del mezzo di trasporto e la sospensione della patente. (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Quando scatta il fermo amministrativo

Il fermo amministrativo, conosciuto anche come ganasce fiscali, è un intervento coercitivo attivato dal fisco per recuperare i debiti verso lo Stato. Debiti che possono essere di varia natura, inclusi arretrati fiscali, sanzioni, multe. L’effetto immediato di questa misura è il divieto di utilizzare il veicolo fino alla completa estinzione del debito.

Procedura di attivazione

La procedura ha inizio non appena un funzionario della riscossione identifica un debito non saldato. Le cause possono essere molteplici: dal mancato pagamento di imposte come IVA e IRPEF, al bollo auto, fino a sanzioni per infrazioni al Codice della Strada.

Per quale importo su può applicare il fermo amministrativo

Il primo passo è l’invio al proprietario del veicolo di una comunicazione che precisa la natura e l’importo del debito. Si informa il cittadino che ha un termine di 60 giorni per il saldo. In questo periodo, è possibile richiedere la rateizzazione del debito. In assenza di pagamento o richiesta di rateizzazione, segue un preavviso di fermo, che dà altri 30 giorni per regolarizzare la situazione. Se questo termine scade senza che il debito sia stato saldato, il fermo amministrativo viene formalmente applicato.

La differenza tra fermo amministrativo e fermo fiscale.

Come rimuovere il fermo

Per revocare il fermo, è necessario saldare il debito in sospeso o avviare un piano di rateizzazione. La sospensione temporanea del fermo avviene con il pagamento della prima rata, mentre la rimozione definitiva si verifica solo completando tutti i pagamenti previsti dal piano di rateizzazione.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Si può contestare il fermo amministrativo?

Il diritto di contestazione del fermo amministrativo è garantito sia dopo la ricezione del preavviso sia una volta che il fermo è stato applicato.

Motivi di contestazione

La contestazione può avvenire per vari motivi, tra cui:

Ogni contestazione deve essere supportata da documentazione adeguata per dimostrare la fondatezza dei motivi addotti.

Come funziona il fermo amministrativo per incidente stradale

Cosa rischio se uso l’auto con il fermo amministrativo

Guidare un veicolo sottoposto a fermo amministrativo non è solo proibito, ma espone a conseguenze legali e finanziarie significative.

Conseguenze immediate

Utilizzare un’auto con fermo amministrativo comporta rischi elevati, tra cui:

La confisca può avvenire anche se il veicolo è di proprietà di terzi, a meno che non si dimostri un utilizzo senza il consenso del proprietario.

Come controllare se sulla tua auto grave un fermo amministrativo.

Sanzioni aggiuntive

La mancata custodia adeguata del veicolo può portare a multe aggiuntive e alla revoca della patente. È obbligatorio tenere il veicolo in aree private, come garage o cortili, per evitare ulteriori penalità.

Determinazione della sanzione

La Prefettura stabilisce l’ammontare della sanzione entro limiti legali, basandosi sull’entità dell’infrazione. Anche agendo in buona fede, ad esempio in caso di ritardi nell’annullamento del fermo, si è comunque soggetti a sanzioni. Le multe variano da 1.984 euro a 7.937 euro.

In caso di rifiuto di trasportare e custodire il veicolo secondo le direttive, si rischia una multa da 774 euro a 3.105 euro, più la sospensione della patente per uno a tre mesi.

Eccezioni alla demolizione

Esistono eccezioni riguardo la demolizione del veicolo, ad esempio, se non è più idoneo alla circolazione a causa di danni significativi.

Obblighi durante il fermo

Durante il periodo di fermo, è proibito smantellare il veicolo per parti di ricambio. Persiste l’obbligo di pagare il bollo e l’assicurazione RC Auto, anche per veicoli non in uso.

Cosa rischio se uso l’auto con il fermo amministrativo
Nell’immagine un automobilista preoccupato dopo aver subito il fermo amministrativo della sua auto.

FAQ (domande e risposte)

Cosa comporta il fermo amministrativo per debiti allo Stato?

Il fermo amministrativo è una misura cautelare attivata dallo Stato per assicurarsi il pagamento di debiti come arretrati fiscali, multe non pagate, o altre tasse. Questa misura impedisce l’utilizzo del veicolo fino alla completa estinzione del debito. Il processo si innesca quando un debito non saldato viene identificato da un funzionario addetto alla riscossione, seguito dalla notifica ufficiale al proprietario del veicolo che offre un periodo di 60 giorni per il pagamento o la rateizzazione del debito.

Quali passi seguono il mancato pagamento di tasse e multe?

Dopo la notifica ufficiale di un debito non pagato, il proprietario ha 60 giorni per il saldo. In caso di mancato pagamento o assenza di richiesta di rateizzazione, segue un preavviso di fermo, concedendo ulteriori 30 giorni per regolarizzare la situazione. Se questo termine scade senza che il debito sia stato saldato, viene applicato il fermo amministrativo.

Come si può annullare un fermo amministrativo sul veicolo?

Per annullare il fermo amministrativo, è necessario saldare completamente il debito o avviare un piano di rateizzazione. La sospensione del fermo si attiva con il pagamento della prima rata, ma la rimozione definitiva avviene solo con l’ultimo pagamento del piano di rateizzazione.

È possibile contestare la validità di un fermo amministrativo?

Sì, è possibile impugnare il fermo amministrativo per motivi quali notifica inadeguata, mancata comunicazione preventiva, prescrizione del debito, o irregolarità formali. Il diritto di contestazione spetta sia dopo la ricezione del preavviso che dopo l’esecuzione del fermo, e l’onere della prova della corretta notifica ricade sull’Agente di Riscossione.

Quali sanzioni si rischiano usando un veicolo con fermo amministrativo?

L’uso di un veicolo con fermo amministrativo espone a sanzioni severamente punitive, inclusa la confisca del veicolo, che diventa irrecuperabile e proprietà dello Stato, e la sospensione della patente di guida. Vi sono inoltre sanzioni pecuniarie aggiuntive per la mancata custodia adeguata del veicolo.

Qual è l’importo delle multe per l’uso di auto con fermo amministrativo?

Le multe per l’uso di un veicolo con fermo amministrativo variano significativamente, da 1.984 euro fino a 7.937 euro, a seconda dell’entità dell’infrazione e delle circostanze. Inoltre, il rifiuto di trasportare e custodire il veicolo secondo le direttive può portare a una multa da 774 euro a 3.105 euro, oltre alla sospensione della patente di guida da uno a tre mesi.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul fisco e sulle tasse:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp